BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

REPORT/ Mondadori querela il programma, la risposta della Gabanelli (video)

Pubblicazione:

Immagine d'archivio  Immagine d'archivio

Guerra fra Mondadori e Report, il programma di Rai Tre condotto dalla giornalista Milena Gabanelli. Secondo un servizio mandato in onda da Report, la Mondadori controllerebbe per il 70% una società di giochi online, tramite la quale sarebbero stati messi in moto meccanismi poco chiari e poco puliti per gestire fondi destinati alla ricostruzione della città dell'Aquila. In realtà esiste un decreto del tutto regolare del governo che assegna alla ricostruzione fondi che provengono dai giochi online. Secondo il servizio di Report però solo una parte di quei fondi finisce realmente ai terremotati. Ci sono in ballo circa 500 milioni di euro all'anno di cui circa la metà in uscita. Nel servizio si dice che una società riconducibile alla famiglia Berlusconi che si chiama Glaming si è inserita nel business. La Glaming appartiene per il 30% al Gruppo Bassetti e per il  70 alla Mondadori, società che è del Presidente del Consiglio. Viene quindi tirata in ballo una fiduciaria i cui titolari sono ignoti. Una norma anti mafia vieta ciò. Secondo Mondadori, "è di particolare gravità per una società quotata sono le affermazioni tese a rappresentare una situazione finanziaria critica, anche a seguito di un presunto risarcimento di 564 milioni di euro alla Cir. Falsità evidentemente volute atteso che sarebbero bastate alcune elementari verifiche per evitarle". Report risponde con un video della Gabanelli postato sul sito del Corriere della Sera. La giornalista sposta la vicenda su un altro campo, chiedendosi se in un momento come questo sia opportuno che il presidente del consiglio "implementi il gioco d'azzardo con il quale si rovina tanta gente". Gabanelli poi dice di non aver mai detto che Mondadori si sia indebitata con il risarcimento Cir ma che risulta che negli ultimi tre anni sia passata da un debito di 75 milioni a uno di 300. La Gabanelli poi critica la questione del cash pooling dicendo sia un metodo che consente di compensare debiti e crediti bancari tra società diverse appartenenti allo stesso gruppo. Aggiugne che la Mondadori e Glaming se non l'hanno ancora usato è solo perché non  hanno ancora cominciato la raccolta.



  PAG. SUCC. >