BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

QUARTO GRADO/ Anticipazioni: la telefonata di Ludovica Perrone a Salvatore Parolisi. Il caso Scazzi

Pubblicazione:

Immagine d'archivio  Immagine d'archivio

Quarto Grado, stasera 11 novembre, Retequattro ore 21.10 - Appuntamento stasera con Quarto grado, il programma di inchiesta condotto dal giornalista Salvo Sottile che oggi presenta una delle sue esclusive. Verrà infatti fatto sentire l'audio di una telefonata intercorsa tra Salvatore Parolisi e la sua amante Ludovica Perrone. La telefonata fu fatta proprio pochi giorni dopo il ritrovamento del corpo di Melania Rea, moglie del Parolisi, il quale si trova in carcere da alcuni mesi, unico sospettato dell'omicidio. Nella telefonata, Ludovica scoppia a piangere più volte accusando Parolisi di averle mentito, di aver solo raccontato bugie. A cosa si riferiva Ludovica? Alle promesse di divorziare dalla moglie che Parolisi le aveva fatto e non mantenute? E perché piangere adesso al ritrovamento del corpo? Forse che la giovane abbia collegato l'evento con il mancato divorzio, cioè  l'omicidio un modo per superare l'ostacolo? Sarà sicuramente un momento drammatico da vivere questa sera nel corso di Quarto grado. Il programma presenterà poi altri casi di cronaca che suscitano grande interesse. Il processo relativo all'omicidio di Sarah Scazzi è uno di questi, e largo spazio sarà lasciato proprio a questo fatto. Lunedì infatti i giudici devono decidere relativamente alla richiesta di scarcerazione e di revoca di custodia cautelare fatta dagli avvocati di Sabrina Misseri, mentre sempre lunedì si deciderà in aula anche sul caso di altri dieci persone coinvolte nel caso, nonché si darà la sentenza sui tre avvocati ex difensori della famiglia Misseri che hanno chiesto il rito abbreviato. Proprio oggi si è venuti a sapere che la macchia di sangue ritrovata nella macchina di Cosima Misseri e ritenuta appartenente a Sarah, invece non è sua. Un altro punto a favore dei Misseri? Non proprio, perché, sempre oggi, è stata reso pubblico un colloquio intercorso lo scorso anno in cui Michele Misseri dice a una nipote che a uccidere Sarah è stata la figlia Sabrina. Nel corso della serata Salvo Sttile indagherà e approfondirà gli aggiornamenti anche su altri casi.



  PAG. SUCC. >