BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DISTRETTO DI POLIZIA 11/ "La cattiva strada": Corallo tenta la fuga

Pubblicazione:

L'agente Rostagno  L'agente Rostagno

Distretto di Polizia 11: la cattiva strada - Stasera alle ore 22.30 è andata in onda su Canale 5 il secondo episodio della puntata della fiction poliziesca "Distretto di Polizia 11" ambientata nel famoso commissario del Decimo Tuscolano. Il titolo dell'episodio è "La cattiva strada". Il commissario Leonardo Brandi è ormai fuori pericolo e dopo la sua degenza in ospedale torna a casa sua dove gli fa compagnia la sua amata Valentina, la escort che gli ha salvato la vita quando Corallo gli ha sparato. In questo episodio ci sono state delle novità sul caso dell'omicidio dell'ex commissario Luca Benvenuto il cui sangue è stato ritrovato nella stanza delle caldaie dell'Appia Club.
Gli agenti hanno ipotizzato che Luca sia stato ucciso da Corallo perchè mentre stava cercando di arrivare a Liverani tramite la escort Mara Fermi si era imbattuta nella busta di Corallo piena di denaro. Intanto una ex tossicodipendente Cinzia si reca presso l'ufficio della sua assistente sociale e prende in ostaggio due segretarie e la capo ufficio la dottoressa Scoglio in quanto le ritiene responsabili del fatto che ha perso la custodia di sua figlia Debora e affidata a suo padre Lucio Graviano. Intanto l'ispettore Pietro Esposito e l'agente Barbara Rostagno scoprono il nome della società che Corallo ha fondato in Italia per questo viene convocata in commissario la commercialista, la dottoressa Linare membro del club Appia, dove Toni Corallo ha fondato la sua società off shore la "Charter for you"; gli ispettori chiedono alla donna, il nome del rappresentante per l' Italia e con un piccolo stratagemma la commercialista lo rivela: l' uomo è Daniel Montanari un maestro di tennis anche lui assiduo frequentatore del club. All' ufficio dell' assistente sociale arrivano sia i carabinieri sia il commissario Brandi accompagnata da Anita che hanno subito tentato di stabilire un contatto con la donna per mediare con lei il rilascio delle donne ma Cinzia è stata da subito precisa: voleva ad ogni costo fermar il suo ex marito Lucio Graviano proprietario di una famosa discoteca di Roma, che era in partenza per la Germania per scappare dalla finanza e dalla polizia perchè nella sua discoteca permettava che si spacciasse droga e la prima vittima era proprio sua moglie Cinzia.



  PAG. SUCC. >