BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SFOOTING / Il lavoro del futuro? I banchieri, tra strani investimenti e sollevamento pesos

In tempi di crisi, nell’incertezza che domina un po’ ovunque, alcuni personaggi sono si sono distinti più degli altri:si tratta dei banchieri. I COMICASTRI ci spiega chi sono

Foto Imagoeconomica Foto Imagoeconomica

In questi giorni di crisi, almeno per ora, apparentemente risolta, bisognerebbe trovare il coraggio di gettare uno sguardo di fiducia sul futuro, mentre il rischio è di gettare fiducia e sguardi. E basta. Che ne sarà di noi, ma soprattutto, che ne sarà dei nostri figli? Quali prospettive si troveranno davanti negli anni a venire? Avrà ancora un senso parlare loro di lavoro, di professioni, di economia? La Juventus tornerà a vincere lo scudetto? (Non c’entra niente, è vero, ma come abbiamo appena detto non tutte le cose hanno un senso!)

Leggere la sfera di cristallo potrebbe essere una soluzione, ma non per noi. Noi vogliamo andare sul sicuro e se c’è da dare utili consigli sulla scelta della professione, prediligiamo una guida affidabile. Un amico comune, perché di tutti, e che tutti potete consultare (fate pure il nostro nome, se volete una raccomandazione) senza troppi giri di parole: il nostro amico Zingarelli. “Zingarelli, ci dica, quale professione ci consiglia, vista l’attuale situazione?”. “Dovrei sfogliare il libro delle mie conoscenze, ma se devo rispondervi così, sulle due pagine (vuol dire: sui due piedi), tenuto conto del ruolo importante che oggi ricoprono tipi come Mario Draghi e Corrado Passera, vi consiglierei… i banchieri!”

Come dice infatti il nostro amico Zingarelli, che è un vocabolario che sa molte cose perché le ha prese un po’ qua e là in giro per il mondo, e proprio per questo è inviso alla categoria di cui si parla, “I banchieri sono quelli che ieri avevano una banca, cioè tanti soldi. Se i soldi ce li avessero oggi, allora sarebbero detti bancoggi. Se invece i soldi ce li avessero un ipotetico domani, sarebbero detti illusi. Perché, se non ci sono riusciti finora, come potrebbero pensare di farcela in futuro?”.

I banchieri abitano nella banca, che è un tipo di casa che ha tanti vetri, dove per entrare, non devi suonare il campanello o bussare chiedendo permesso, ma devi lasciarti analizzare da un tizio che non si vede ma c’è, e che di mestiere fa il detective tutto rivestito di metallo. Lo chiamano detector, metal detector. Mentre un tempo entravi solo con il bancomat, e dopo aver esplorato tutte e quattro le possibilità di inserimento della tessera (fronte, retro, sopra e sotto), scoprivi che si era smagnetizzata: che tempi!

Una volta dentro, la casa del banchiere si presenta priva di porte, al loro posto ci sono solo gli sportelli. E lì dentro la parola “servizi” non indica il wc, bensì una serie di operazioni e prestazioni che… comunque… nonostante il livello… con i servizi comunemente intesi hanno ben più di un punto in comune, soprattutto in questi periodi di vacche magre.