BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

I MENU’ DI BENEDETTA/ Le ricette per la Festa del Ringraziamento a base di tacchino. (Video)

Pubblicazione:

Una ricetta  Una ricetta

I Menù di Benedetta, le ricette per la Festa del Ringraziamento. La puntata di oggi di I menù di Benedetta è dedicata alla Festa del Ringraziamento, che si festeggia oggi in America e in occasione della quale si mangia il tacchino. Le ricette che presenta Benedetta Parodi sono gustose e ideali per un menù ispirato a questa festa. La conduttrice inizia con la preparazione di due purè, uno di patate ed uno di cavolfiore, che faranno da contorno al tacchino ripieno. Il cavolfiore deve essere lessato finchè non raggiunge una  consistenza morbida. Anche le patate devono essere morbide, quindi vanno cotte in forno nella carta stagnola. Si possono mettere a cuocere due grosse patate dolci americane. Una volta pronte, vanno messe nello schiacciapatate. Si mettono in una ciotola la panna e il burro, insieme allo zucchero di canna. Si condisce dunque con sale ed un po' di pepe, si amalgama e si mescola tutto insieme. I cavolfiori si possono far rosolare leggermente con un po' di burro ed uno spicchio di aglio. Si fa saltare un attimo il tutto, poi si spegne il fuoco e si prende una bella ciotola. Si mettono i cavolfiori nella ciotola, si condisce con un po' di noce moscata ed un goccio di latte e con il frullatore ad immersione si dà al tutto la giusta consistenza. Si aggiunge poi un po' di parmigiano. I purè sono pronti da mettere in tavola ed ecco che arriva una super cuoca americana che Benedetta ha invitato quest'oggi a cucinare con lei. Si tratta di Laurel Evans, che ha portato anche un regalino per la casa. Laurel è in Italia ormai da quasi otto anni ed ha imparato dunque tutti i trucchi della cucina italiana. Insieme a lei Benedetta si accinge a preparare il tacchino. Laurel le svela qualche trucco. Si fa il tacchino a pezzi e il petto si mette a cuocere separatamente in una seconda teglia. Per ungere si usa un po' di burro, che si può spalmare sul tacchino con entrambe le mani. Si aggiunge un po' di sale e della salvia, ma non l’ aglio. E' il momento dunque di infornare le due teglie. La cottura richiederà circa un'ora e mezza. Si parte dunque con la preparazione del ripieno. Si fa sciogliere il burro in padella e si mette dentro un po' di cipolla. Si aggiunge il sedano e della salvia. Intanto Laurel racconta di essere arrivata dal Texas in Italia per amore. Si è dunque innamorata dell'Italia e vive ora a Milano. Come seconda fase, si deve preparare il pane a pezzetti da fare al forno, che va cotto in una teglia imburrata. Per dare sapore si aggiunge del brodo vegetale e quindi il preparato che si è fatto precedentemente soffriggere. A questo punto è pronta la teglia con il preparato per il ripieno che va messo in forno. Intanto anche il tacchino è cotto e si può togliere dal forno. A questo punto occorre raccogliere in una ciotola i succhi di cottura del tacchino. A questo brodo si aggiunge della besciamella e si mette il tutto a scaldare in una padella. Mentre preparano queste cose, però, Benedetta e Laurel si dimenticano del ripieno che è rimasto in forno e questo brucia. Bisogna dunque togliere un po' di bruciacchiato prima di mettere il ripieno all'interno del tacchino. Il corn bread è il pane ideale da abbinare al tacchino. Tale pane si prepara con la farina di mais. Si aggiunge ovviamente il lievito e del sale. Il mais (quello della lattina) deve essere tritato e mescolato ad un composto che si chiama latticello e che si fa con yogurt e latte (come la panna acida). Si mescola il tutto in una ciotola e si aggiungono due uova. Si può aggiungere anche un cucchiaio di sciroppo d'acero che dà quel gusto dolce di caramello. Non bisogna mescolare tantissimo perché il composto non deve venire molto omogeneo. Si aggiungono anche 100 g di burro e si mette tutto in una teglia, non importa di quale forma, si distende bene all'interno della stessa e si mette a cuocere a 180 o 200 gradi per circa una ventina di minuti. Si toglie dal forno quando è bello dorato ma non troppo nero. Si può procedere dunque alla preparazione della tavola, tutta in bianco, che è un colore neutro ed elegante. Servono due forchette e due coltelli a testa . I bicchieri sono in cristallo e poi l'elemento fondamentale è la zucca che va dipinta di bianco per abbinarla al colore della tavola… (continua alla pagina seguente)



  PAG. SUCC. >