BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DELITTO DI GARLASCO/ Pomeriggio 5: chiesta la condanna a 30 anni di Stasi. La nuova vita di Kasia Smutniak dopo Pietro Taricone

Pubblicazione:

Alberto Stasi  Alberto Stasi

Delitto di Garlasco – A Pomeriggio 5 si torna ad affrontare il delitto di Garlasco, l’omicidio di Chiara Poggi. E' di nuovo sotto accusa l'ex fidanzato della ragazza, Alberto Stasi, per il quale l'accusa chiede una condanna di 30 anni in Appello. Adesso si è dinanzi a un nuovo bivio, infatti si sta decidendo se dar di nuovo inizio alle indagini. Il secondo caso affrontato è quello di Marta Russo, uccisa da un colpo scagliato dalla facoltà di giurisprudenza da Giovanni Scattone, prima condannato e oggi, una volta uscito di carcere, si ritrova a insegnare proprio nel liceo dove Marta si era diplomata. Viene poi ricordato Marco Simoncelli, giovane pilota di Moto Gp di recente scomparso, dato che è quasi trascorso un mese dalla sua tragica morte. Il video seguente invece parla di Kasia Smutniak, che ha dovuto affrontare non molto tempo fa la morte improvvisa di suo marito Pietro Taricone. Kasia adesso sta provando a ricrearsi una vita, insieme anche a un nuovo compagno, Domenico Procacci, che sembra anche andare d'accordo con il nuovo compagno della madre. Barbara annuncia poi la nascita del piccolo di Kim Rossi Stuart e di Ilaria Spada, Ettore, e parte così un breve video che riassume la loro storia d'amore. In studio poi arriva Karina Cascella, ex concorrente della talpa e protagonista del programma di Maria de Filippi "Amici". Lei, insieme al suo compagno Salvatore, hanno avuto anche una piccola bambina, Ginevra, ma a distanza di un anno il loro rapporto sembra aver subito un brutto colpo. Lei dice che forse è stata colpa sua, dato che si è dedicata in questo ultimo anno soltanto alla sua bambina, ma ha anche aggiunto che ama ancora Salvatore. Per la prima volta decide di parlarne in studio, e come prima cosa Karina ammette d'essere stata troppo apprensiva nei confronti di sua figlia, che ha isolato dal mondo, e un po' anche da chiunque non fosse lei o Salvatore. Si parla poi della sua esperienza da bambina, di quando suo padre, alcolista, abusava di lei, sua sorella e sua madre, picchiandole. Dice così che forse è per evitare che Ginevra potesse vivere, anche se in minima parte, qualcosa del genere, anche se non esisteva un reale motivo, che è diventata una madre iperprotettiva. La redazione ha contattato Salvatore, con il quale Karina ormai vive da separata in casa, che però ha deciso di non parlare in diretta o rilasciare dichiarazioni, ma ha detto in privato a Barbara che la colpa è sua, e di dire a Karina di stare calma, la quale poi dice che ciò la rende ancora più triste. Infatti dice che lei vorrebbe che non ci fossero colpe, e lancia un messaggio a lui dicendogli che ora ciò che conta è Ginevra, e di trovare presto le risposte che sta cercando. La D'Urso poi legge una mail arrivata in studio, che racconta di una ragazza rimasta incinta poco dopo aver perso la madre. Lei è Samantha, che è sempre stata aiutata da sua sorella Rosangela, nella quotidianità con suo figlio, e per questo chiede a Barbara di farle un regalo con un cambio di look da parte del gruppo di Pomeriggio Cinque. Una telecamera va dietro le quinte da Michel, che racconta di come sia stato difficile convincere Rosangela, la quale però, ancora nascosta sotto un telo leopardato, dice di stare benissimo. Viene poi mostrato il video della "cattura" di Rosangela da parte di Veronica, l'inviata di Barbara ed ex gieffina. Alla donna viene mostrato un video messaggio di sua sorella, che la fa commuovere. In studio poi arrivano anche Franco, Chiara e Martina, la famiglia di Rosangela, che attende che la donna venga in studio dopo la "trasformazione". Barbara chiede loro come vorrebbero che fosse stata cambiata Rosangela, e dopo un po' d'imbarazzo e qualche commento, la donna arriva in studio, tra gli applausi del pubblico e i sorrisi stupiti dei suoi familiari. La sorpresa però non è finita qui… (continua alla pagina seguente)  



  PAG. SUCC. >