BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

I MENU’ DI BENEDETTA/ Ricette con le spezie e di Natale. Ospite Camila Raznovich. Il video

Pubblicazione:

Un ghiotto piatto  Un ghiotto piatto

Menù di Benedetta, ricette con le spezie - Il menù di Bendetta ha proposto ricette con varie spezie, con un menù "fusion", che prende cioè spunto da diverse tradizioni culinarie. Si parte con i gamberoni al sesamo in salsa agrodolce, un particolare antipasto molto intrigante. Versa 200 gr di aceto di mele in un pentolino con 100 gr di zucchero, qualche fettina di una radice di zenzero fresca, che si può trovare in ogni negozio di alimentari, e un po' di peperoncino, ma questo dipende dai gusti. Appena bolle bisogna spegnere tutto, dato che se lo si lascia a cuocere ancora diventa come di cristallo, rovinando tutto. Separa poi il bianco dell'uovo dal resto e lo sbatte in una ciotola leggermente. Prende poi i gamberi, ne taglia via la testa e il carapace, lasciando soltanto la coda. Li bagna nel bianco d'uovo e poi nel sesamo, Li getta poi in una padella colma d'olio, ma non occorre friggerli per molto. Dopo una spruzzata di sale, li mette in un piatto insieme a una ciotola colma di salsa, che però deve raffreddare, e il primo piatto è pronto. Arriva poi Camila Raznovich, che porta in regalo il duse de lece a Benedetta, un dolce argentino, date le origini di Camila, e anche il suo libro da poco pubblicato. Insieme iniziano a preparare il pollo allo zenzero. Tagliano a cubetti il pollo e lo impastano bene in una ciotola con aglio, soia, miele e zenzero tagliato a cubetti piccolissimi. Intanto Benedetta versa in pentola del riso basmati, mentre Camila mette il pollo in frigo dove dovrà restare per alcune ore, quasi mezza giornata, ma ovviamente Benedetta questo l'aveva già fatto il giorno precedente. Gettano il tutto in padella a fiamma bassa, e condiscono il riso, gettato in una ciotola, con della mandorle e del coriandolo. Intanto il pollo è pronto, e lo versano in un piatto con il riso. Camila resta poi anche per preparare la tavola, con tovagliette, bicchieri e segnaposti fatti con la posta con su scritti i nomi degli invitati. Decorano poi una burriera e ci versano dentro della cera con al centro uno stoppino, trasformando il tutto in una candela. Rimasta sola, Benedetta prepara il couscous alle verdure. Mette dell'acqua a bollire in pentola e affetta una cipolla, che versa in padella antiaderente insieme a un po' d'olio. Versa poi in padella un po' di verdure miste già pronte, aggiungendo poi un po' di sale. Versa 250 ml dell'acqua bollita in una ciotola, un po' di dado, una bustina di zafferano, un po' d'olio, del sale grosso e infine 250 gr di couscous. Le verdure intanto sono pronte, e Benedetta fa tostare delle mandorle tritate. Con una forchetta mescola il couscous e lo mette insieme alle verdure in padella. Il couscous è ormai pronto, e dopo averlo messo in piatto, con mandorle e un goccio d'olio lo si può portare in tavola. Benedetta prepara poi il banana bread, un dolce americano che somiglia a un plum cake. Versa in una ciotola 250 gr di farina, 150 di zucchero, un cucchiaino di bicarbonato, 100 gr di noci rotte con le mani, un po' di cannella, del sale e una grattata di noce moscata. In un'altra ciotola mette 3 banane mature, che mescola con 75 gr di ricotta (elemento fusion, dato che all'estero si usa di certo meno). Schiaccia tutto bene con la forchetta, e aggiunge 80 gr di burro, due uova e un'altro elemento italiano, una tazzina di caffè. Mescola bene il tutto, amalgamando bene i vari elementi. Prende poi una forma da plum cake, rivestita con carta da forno, e ci versa dentro il preparato. Mette tutto in forno e va a preparare i fiori per addobbare la tavola. Prendono una burriera e la decora con dei bouquet di bambù e garofani rossi, tenuti fermi da degli elastici. Intanto il pane è pronto, e mentre Benedetta lo lascia un po' a raffreddare, prepara una salsina, con ricotta e e sciroppo d'acero in una ciotola, ben mescolati. Il risultato è molto dolce e viene portato in tavola con il pane, magari versato sopra le fette. L'ultima ricetta è quella di Natale, dei salatini di nocciole. (continua alla pagina seguente)



  PAG. SUCC. >