BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

REPORT/ Anticipazioni di stasera: Milena Gabanelli si occupa della “grande evasione”. 6 novembre 2011, Rai Tre

Pubblicazione:

Milena Gabanelli conduttrice di Report  Milena Gabanelli conduttrice di Report

Report, anticipazioni di stasera: Milena Gabanelli si occupa della “grande evasione”. Stasera domenica 6 novembre 2011, 21.30 Rai Tre - Stasera Milena Gabanelli è al timone di una nuova puntata di Report, il programma di inchieste su Rai Tre che sta registrando un ottimo riscontro negli ascolti tv. Ogni appuntamento mette a tema una grossa inchiesta affrontata in numerosi servizi che si occupano ognuno dei diversi aspetti della questione. Stasera si parla dei meccanismi dell’evasione fiscale, uno dei flagelli che  comportano un enorme danno alle casse dello stato. La puntata prenderà in considerazione anche la modalità in cui lo Stato contrasta gli evasori e come con quali risultati riesce a recuperare una volta che scopre  il mancato pagamento della tasse. E poi quanto recuperano alla fine l’Agenzia delle Entrate e la Guardia di Finanza? E cosa accade in caso di contenzioso? Nella manovra economica del governo, che punta a recuperare 60 miliardi di euro, la lotta all’evasione è un capitolo fondamentale che comprende anche quei 4 miliardi previsti nel condono del 2002 che non sono mai arrivati. Un altro aspetto importante di questa battaglia è quello del lavoro in nero e della sotto fatturazione. Si stima che in Italia tutto ciò corrisponda a un giro d’affari di circa 260 miliardi l’anno e coinvolge dai più piccoli commercianti ai grandi imprenditori. Così che l’evasione fiscale stimata in Italia è di circa 120 miliardi l’anno.
Ma la puntata di stasera di Report vuole sottolineare anche una nuova tipologia di evasione ai danni dello Stato, più astuta e sottile che potrebbe passare per corretta: viene definita come “elusione” e riguarda tutte quelle modalità per aggirare la legge, appoggiandosi su finanziarie estere e sfruttando le detrazioni fiscali. Una prassi che dal 2005 al 2009 ha riguardato quasi tutte le banche, da Unicredit a Intesa, da Credem a Popolare di Milano, a Carige e Monte dei Paschi. Ora però si trovano miliardi di euro contestati dal fisco. Quasi tutte han deciso di transare con l’Agenzia delle Entrate che ha riscosso, per ora, più di 500 milioni.



  PAG. SUCC. >