BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DISTRETTO DI POLIZIA/ "La trappola" in cui non cadono quelli del Decimo Tuscolano

Pubblicazione:

Il cast di Distretto di Polizia  Il cast di Distretto di Polizia

Distretto di polizia: "La trappola" - Stasera 8 novembre su Canale 5 è andato in onda un nuovo episodio della fiction diretta da Alberto Ferrari "Distretto di polizia". Il secondo episodio della serata è intitolato "La trappola". Gli ispettori del "Decimo Tuscolano" indagano su un furto in villa avvenuto di notte in casa del dottor Donato Marini. Il padrone di casa ha sparato mortalmente il ladro che stava aprendo la cassaforte. L' uomo viene identificato come Salvatore Ruggeri, un investigatore privato, amante della sua ex moglie Carolina. Il signor Marini spiega agli agenti che il Ruggeri stava leggendo un registro dei conti delle aziende di rifiuti tossici al momento della sua morte. 
Intanto le due amiche ed escort di lusso Mara e Valentina brindano per festeggiare il contatto stabilito con Toni Corallo. In commissariato viene interrogata Carolina Alberto, compagna attuale di Salvatore Ruggeri e direttrice di una azienda addetta allo smaltimento dei rifiuti tossici. La donna parla del rapporto con l' ex marito e con Salvatore, l'uomo che amava e per il quale aveva lasciato il Marini. Nella stanza vicina, il commissario Brandi (Andrea Renzi) interroga invece il signor Donato Marini per approfondire alcuni particolari come il fatto che il ladro conosceva benissimo la combinazione della cassaforte. 
Un agente della polizia trova una cimice nel telefono del Marini; si pensa che il dispositivo sia stato istallato da Ruggeri in modo che poteva controllare tutti i movimenti dell'uomo. La signora Carolina è stata convocata nuovamente in commissariato per approfondire l' argomento dei rifiuti tossici illegalmente nascosti dai suoi operai come ecologici. E' la stata donna a confessare di avere inserito la cimice nel telefono del suo ex marito Marini. Gli agenti Barbara Rostagno (Lucilla d'Agosto), Pietro Esposito (Dino Abbrescia) e Ugo Lombardi (Marco Mazzocca) analizzano le registrazioni delle conversazioni tra Marini e sua moglie e ipotizzano un omicidio spinto dalla gelosia. 
Toni Corallo decide di lasciare la città e si reca in palestra per recuperare il denaro e lo nasconde in un cassonetto della sua nuova nave. Valentina interpretata da Valentina Cervi, attende il suo cavaliere al bar del circolo che arriva un pò in ritardo. Una escort straniera Blanca, rifiutata da Corallo, parla con Valentina e le svela che Toni salperà a breve. 
L'agente Giovanni Brenta (Gianluca Bazzoli) porta al commissario Brandi, le foto scattate sulla scena del delitto e in particolare fa notare una abrasione sul dito sinistro confermata dal medico legale. Il commissario Brandi si reca a casa del dottor Donato Marini e richiede all'uomo di rispiegare nuovamente come è avvenuta la colluttazione con il Ruggeri ma l' uomo sembra alquanto ansioso e spaventato dal poliziotto. Valentina e Mara si recano sulla nave di Toni Corallo in cerca del denaro ma l' uomo le osserva da casa sua grazie alle telecamere a circuito chiuso istallate sull' imbarcazione, e trama così la sua vendetta. In commissariato di polizia Donato Marini afferma di aver istallato la cimice nel nuovo telefono in modo da essere rintracciato e preparare la sua vendetta. 
L' uomo non è pentito del suo gesto e conferma tutto ciò che Brandi ha supposto. L'ispettore Esposito accompagna la bambina Laura da suo padre un ergastolano, per un permesso concesso grazie a Brandi. Ugo e Sofia litigano perché Lombardi è geloso dell'impresario della donna e pensa ad un possibile tradimento, smentito dalla moglie. 



  PAG. SUCC. >