BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cinema, Televisione e Media

PREFERISCO IL PARADISO/ Anticipazioni: Gigi Proietti torna nei panni di san Filippo Neri. 12 dicembre 2011, Rai Uno

Preferisco il Paradiso. Anticipazioni della fiction di stasera: Gigi Proietti torna nei panni di san Filippo Neri, il fondatore dell'Oratorio. Lunedì 12 dicembre 2011, 21.10 Rai Uno

Gigi Proietti nella parte di San Filippo NeriGigi Proietti nella parte di San Filippo Neri

Preferisco il Paradiso. Anticipazioni: Gigi Proietti torna nei panni di san Filippo Neri. 12 dicembre 2011, 21.10 Rai Uno - Gigi Proietti torna stasera nel prime time di Rai Uno, protagonista della fiction Preferisco il Paradiso, che racconta vita e opere di San Filippo Neri. La miniserie è andata in onda per la prima volta nel settembre del 2010 ottenendo grande successo negli ascolti tv: la prima puntata aveva conquistato 6.345.000 telespettatori, con il 23,88% di share. Sarà ancora un successo per il giullare di Dio interpretato dal grande Gigi Proietti?
San Filippo Neri nacque a Firenze nel 1515, ma trascorse poi gran parte della sua vita a Roma. Un santo davvero particolare, soprannominato non a caso Il santo della gioia, il giullare di Dio, il secondo apostolo di Roma, Pippo il buono, che svolse una missione davvero speciale e rivoluzionaria per i tempi.
La fiction inizia in medias res: Filippo Neri, già in età adulta e ordinato sacerdote, è sul punto di imbarcarsi da Roma per le Indie con i missionari di Ignazio di Loyola. Quando arriva, però, l’imbarco è già avvenuto e per lui non c’è più posto. Mentre cammina triste per le vie della Città Santa si imbatte in una banda di trovatelli che sta aggredendo un uomo e interviene per allontanarli. L’uomo in cambio lo invita a casa propria e gli offre di diventare precettore per suo figlio Michele. Filippo accetta e gli viene affidata anche la piccola Ippolita. Ma un giorno mentre è in giro per Roma incontra di nuovo la banda dei trovatelli, con a capo un piccolo delinquente che si fa chiamare Mezzapagnotta. Questo incontro è decisivo per la propria vocazione: Filippo Neri decide di dedicare la propria vita ai trovatelli organizzando vicino a un nosocomio per poveri, un oratorio dedicato alla preghiera e alla catechesi.
Una missione che si viene a collocare in un momento molto delicato per la Storia della Chiesa: intanto si stava svolgendo il Concilio di Trento, dopo la rottura con il protestantesimo, e iniziava la Controriforma. San Filippo Neri metteva in pratica l’insegnamento cristiano nella vita di tutti i giorni, facendo accostare i più piccoli alla liturgia, anche attraverso il gioco e il canto, in una forma, quella dell’Oratorio, che veniva incontro alle loro diverse esigenze, offriva un luogo di crescita formativa.