BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BACIATI DALL’AMORE/ Anticipazioni ultima (sesta) puntata: Valentia e Carlo bersagli dell’attentato a Gambardella? Riassunto

Pubblicazione:

Una scena della fiction  Una scena della fiction

Baciati dall'amore, anticipazioni sesta e ultima puntata e riassunto 13 dicembre 2011. Baciati dall'amore sta per regalare l'ultima puntata ai telespettatori della fiction di Canale 5. Ci sarà un lieto fine per Valentina e Carlo? La coppia corre un gravve pericolo perchè potrebbero essere loro i bersagli dell'attentato di Don Tano, che vuole uccidere Gaetano Gambardella. Alla pagina seguente troverete le nuove avvincenti anticipazioni, di seguito il riassunto dell'ultimo episodio della fiction dedicata a Pietro Taricone, andato in onda il 13 dicembre 2011. Carlo tenta di suicidarsi nel suo negozio, perché senza Valentina proprio non può stare. Ma lei è molto arrabbiata e dice a sua sorella che non intende più sposare Tommaso. Intanto nel negozio di Carlo arriva Bellosguardo che fa capire a Carlo l'importanza della vita. Suo padre Gaetano, invece, gli dice che se vuole conquistare Valentina deve prima trovare sua moglie Maria. Un'amica gli racconta che Maria se ne è andata all'estero insieme a sua sorella e non ha lasciato alcun recapito. Se Maria non si trova Carlo non può divorziare, e allora serve un consiglio di Biagio, vicino di cella di Gaetano. La soluzione è mandare una notifica all'ultima residenza nota di Maria, e così si può fare il divorzio anche senza il parere della moglie. La signora però al Comune non risulta e allora il funzionario del Comune prepara per Carlo un certificato in cui si dice che Maria è morta. Sembra essere l'unica soluzione, anche se Carlo non è troppo convinto che la cosa possa funzionare e infatti decide di non usare il certificato e di dire invece la verità a Valentina. Luisa intanto prepara un regalo di compleanno per il suo Stefano. Junior, infatti, nonostante i suoi vari tentativi di farla ragionare su questa storia, non è ancora riuscito a farle aprire gli occhi. Bellosguardo si complimenta con Antonio perché lui ha appena dato un anello alla sua fidanzata Carolina. In realtà è stato tutto un equivoco e Antonio non ha alcuna intenzione di sposarsi. Sorprendente però anche Caterina si rende conto che non vuole sposare Antonio e gli dice che secondo lei è troppo presto, perché ancora non si conoscono bene e non sono stati tanto tempo insieme.

In carcere intanto il detenuto Peppino scava un tunnel per far evadere Gaetano, perché questo pare abbia ordinato Don Tano. In realtà Gaetano appena lo scopre gli dice di fermarsi e gli spiega che i suoi messaggi sono stati interpretati male.

Luisa lascia il suo regalo in camera di Stefano, ma quando lui la fa salire in casa le spiega che in realtà è gay.

Carlo porta Valentina nel negozio di fiori e finalmente possono stare un po' da soli. Valentina gli confessa di avere qualche dubbio sulle sue capacità di vivere con una famiglia così numerosa, ma lui le dice di non preoccuparsi e di non parlare dei bambini. Nel frattempo Carlo riceve una telefonata sul cellulare. Luisa andando via da casa di Stefano ha avuto un incidente con il motorino. Carlo dunque deve correre immediatamente in ospedale e porta con se' anche Valentina. Con la ragazza in ospedale c'è anche Junior che aveva deciso di seguire Luisa e che è stato il primo a soccorrerla. Junior va via e per poco non incontra sua sorella Valentina che è appena arrivata in ospedale insieme a Carlo. Lui dice subito che da questo momento bisognerà abbonarsi tutti ai mezzi pubblici, qualunque cosa purché abbiano quattro ruote.

Carlo decide poi di invitare a cena Valentina ma i suoi figli si ribellano, non la vogliono perché dicono che lei lo tratta male, lo prende e lo lascia in continuazione e così sono sempre loro a rimetterci. La sorella di Valentina nel frattempo le confessa che ormai da otto anni è innamorata di Tommaso. Per tutti questi anni lei dice di aver sofferto in silenzio senza fare mai niente ed ora vorrebbe sapere sul serio se a Valentina interessa ancora di Tommaso. Lei dice che non le importa assolutamente niente. Luce ha dunque il via libera con lui.

Gaetano ha scritto un libro e l'ha dedicato alla direttrice del carcere. Lei non sa come ringraziarlo e gli dice che è in crisi con suo marito, il quale vuole partire per il nord e lei non vuole seguirlo. Gaetano le dice che le dispiacerebbe se lei se ne andasse e lo lasciasse da solo.

Carlo organizza una nuova serata con Valentina, sempre nel negozio di fiori, ma dentro sembra già esserci qualcuno. Non si tratta però di Antonio, come pensa Carlo, ma di sua figlia Camilla, che trova la lettera che Carlo aveva scritto quando pensava di suicidarsi. Portata la lettera a casa, la ragazza la legge dunque ai suoi fratelli e propone loro di combattere il nemico, visto che avranno a breve Valentina ospite a cena.

Al Villino ci sono gli operai che stanno provando le pistole per uccidere la moglie di Carlo, come ha chiesto loro il funzionario del Comune.

Arriva il momento della cena tanto attesa e Valentina ha un po' paura, ma Carlo la rassicura perché è convinto che i ragazzi l'accoglieranno benissimo. In realtà i figli di Carlo, guidati da Camilla, sono proprio sul piede di guerra e ne combinano di tutti i colori per impaurire Valentina. La cosa più grave però è che la fanno ubriacare e lei non ragiona più, tanto che Carlo deve deve portarla in ospedale, dove le fanno la lavanda gastrica.

I due operai intanto hanno rapito una vecchia amica di Maria, scambiandola per lei, ed ora dovrebbero ucciderla ma non ci riescono e così alla fine ci finiscono a letto insieme. Lei spiega loro che si chiama Gianna Pia e non Maria e che hanno sbagliato dunque persona.

Nella prossima puntata ci sarà Valentina che parlerà con Camilla e che si ricrederà così su di lei. Valentina inviterà Carlo alla festa di anniversario di suo padre e con lui vorrà tutta la sua famiglia. Ma Gaetano per avere un permesso rischierà grosso, perché fuori c'è il vero Don Tano, il quale non aspetta altro che avere la possibilità di ucciderlo.



  PAG. SUCC. >