BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MANOVRA MONTI/ Anche a Pomeriggio 5 l’analisi della manovra Monti, il "decreto salva Italia"

Pubblicazione:

Mario Monti  Mario Monti

Pomeriggio 5: la manova Monti - Anche Pomeriggio Cinque ha affrontatola manovra Monti, il "decreto salva Italia" approdato ieri in parlamento. A quanto pare le donne andranno in pensione a 62 anni mentre gli uomini a 66, e la congiuntura tra i due sessi avverrà nel 2018, con l'innalzamento dell'età delle donne al pari di quella degli uomini. A tutto questo si aggiunge una tassa sulla prima casa, insieme anche a una sui beni di lusso come auto dalla grossa cilindrata, yacht, aerei ed elicotteri. Focus anche  sul ministro Elsa Fornero, che mentre tentava di esplicare al meglio le manovre che a breve prenderanno forma nel nostro paese, si è commossa pronunciando la parola "sacrificio", pensando probabilmente alle condizioni di indigenza nelle quali si ritroveranno molte famiglie a causa degli aumenti delle tasse, ma che, a quanto pare, erano inevitabili arrivati a questo punto della storia economica del nostro paese. Anche il programma firmato da Videonews e condotto da Barabra D’Urso, così seguito dal pubblico, ha voluto affrontare l’attuale momento politico ed economico dell’Italia, che avrà conseguenze per tutti i cittadini. La puntata procede con la cronaca nera, e purtroppo la D'Urso dà la notizia di un bimbo di 7 anni travolto da un'auto pirata a Torino. Il piccolo non ce l'ha fatta e la madre, che ha scoperto dell'avvenuto decesso in ospedale, è rimasta anch'essa ferita gravemente a una gamba. E' partita adesso la caccia alla Renault Clio del pirata, e Barbara ribadisce il suo punto di vista ancora una volta, e cioè che questa gente dovrebbe marcire in galera. L'argomento seguente è quello di un giovane cuoco italiano sparito improvvisamente mentre lavorava su di una barca nei pressi della Colombia. Il caso è alquanto strano, dal momento che la polizia del posto impedisce i contatti con la famiglia, e non sembra affatto intenzionata ad indagare realmente a fondo alla faccenda. Come se non bastasse anche in Italia non si sta facendo proprio il massimo per Angelo, e la famiglia del ragazzo, rappresentata in studio dalla sorella e dalla madre, si dicono indignate per quant accaduto e per tutto ciò che ancora accade. Infatti la madre sottolinea di come a Cremona si ritenga più importante affrotnare la questione della squadra di calcio della città. La sorella inoltre dice che la compagnia per la quale lavorava suo fratello sa di certo qualcosa, dal momento che sul computer di Angelo, restituito alla famiglia dopo mesi, sono stati eliminati molti dati e stampati dei documenti. Cosa confermata da una perizia informatica pagata dalla donna. Dunque si fa sempre più forte il sospetto che il ragazzo abbia visto qualcosa che non doveva vedere e che per questo sia stato fatto sparire. A tutto questo si aggiunge il fatto che stranamente sia stata spedita una collana d'oro che il ragazzo non toglieva mai dal collo. Impossibile non parlare poi della scarcerazione di Erika, la ragazza che uccide la madre e il fratello anni fa a Novi Ligure. Diventata ormai donna è entrata a far parte di un'associazione, e dunque farà del volontariato, probabilmente all'estero. Ha però specificato che non vuole essere disturbata dalla stampa, e vorrebbe lo stesso trattamento per la sua famiglia. Omar invece non sembra aver problemi a parlare, e racconta nei dettagli quanto accaduto il giorno dell'omicidio, prima durante e dopo i fatti. Erika però ritiene che si stia soltanto facendo pubblicità, sfruttando per giunta la memoria dei suoi familiari deceduti. Si passa poi ad argomenti più blandi, e si parla così di Grande Fratello, dal momento che in studio è presente la fidanzata di Danilo, che, indirettamente, è responsabile dell'abbandono del giovane. Secondo Tonio, il padre di Danilo, lui non riusciva a sopportare la distanza dalle persone care, e soprattutto da Angela. Maffei dice che è bello che il padre dica che l'importare è che lui sia felice, ma, secondo un suo parere, Danilo doveva restare in casa. Tonio però risponde dicendo che nessuno può controllare il cuore. Dal pubblico intanto una signora si schiera con Maffei, dicendo che Danilo non ha raggiunto il suo obiettivo, abbandonando la casa, togliendo poi la possibilità ad altri di affrontare questa esperienza. (continua alla pagina seguente)



  PAG. SUCC. >