BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MISTERO/ Video e riassunto puntata 1 febbraio 2011: si fanno seppellire vivi chiusi in una bara per sconfiggere la paura della morte

Pubblicazione:

Raz Degan  Raz Degan

MISTERO – Video Mediaset e riassunto puntata 1 febbraio 2011 – A Mistero un incredibile macabro servizio: in Giappone esiste la Coffin Academy. In inglese coffin significa bara. Ebbene della persone che vogliono affrontare e superare la paura della morte simulano il proprio funerale con tanto di celebrazione del rito e annunci mortuari, ma soprattutto si fanno seppellire vivi dentro una bara per cercare di capire cosa si può provare nel momento in cui si muore. Il punto è che nessuno può sapere in anticipo come sarà davvero l’ultimo istante, come si arriverà all’ultimo e fatale respiro, ma a detta di chi ha ideato questo tipo di attività, sembra che chi ha fatto questo percorso riesca poi ad affrontare la vita con maggiore entusiasmo e consapevolezza e pare inoltre che contribuisca a far scendere il numero dei suicidi.

 

Ma la parentesi sulla morte non è finita qui. Perché per i coraggiosi che hanno continuato a guardare il programma di Raz Degan anche dopo aver visto persone farsi chiudere in una bara, è stata mostrata la “inconsueta” attività di un anatomopatologo tedesco, dell’università di Heidelberg, che ha ideato un nuovo metodo per rendere “immortale” il caro estinto. Farne un’opera d’arte. Si tratta di un trattamento simile all’imbalsamazione,che alla fine rende il cadavere una vera e propria forma plastica. Il trattamento può durare fino a un anno di tempo prima che il nostro cadavere diventi una statua. Non è possibile eseguire questo tipo di trattamento su tutti i morti (dipende dallo stato di decomposizione).

 

Ancora inquietanti interrogativi intorno al Sacro Graal: Marco Berry ha raccontato la storia dell’abate Sauniere. Ricordate il Codice da Vinci? Scoprite nel video alla pagina seguente le verità di uno dei misteri che da millenni appassionano…


CLICCA QUI >> PER GUARDARE IL VIDEO



  PAG. SUCC. >