BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FEMMINE CONTRO MASCHI/ Per Brizzi poca sociologia e tanta comicità, con Claudio Bisio, Emilio Solfrizzi e Ficarra & Picone

Pubblicazione:

Foto: Imagoeconomica  Foto: Imagoeconomica

Replicare un successo solitamente è molto difficile, farlo partendo dagli stessi presupposti forse lo è di più, ma non per Fausto Brizzi che c'era già quasi riuscito con Notte prima degli esami e il newquel (neologismo per camuffare il concetto di fotocopia) Notte prima degli esami oggi; ora, dopo Maschi contro femmine che ha incassato quasi 15 milioni qualche mese fa, il regista arriva con Femmine contro maschi, nelle intenzioni un ribaltamento del film precedente visto dalla parte delle donne.

 


Come l'altro, molte storie a intrecciarsi: Marcello ed Elena, coppia separata, deve tornare a vivere assieme per non dare dispiaceri alla di lui madre in fin di vita; Rocco e Michele sono amici con la passione per i Beatles e per la musica (suonano in una cover band), ma le loro rispettive mogli non sono affatto d'accordo; Piero è un marito buzzurro e fedifrago che dopo una botta in testa perde la memoria e per sua moglie Anna è l'occasione buona per “riformattarlo”.

 


Una commedia corale più romantica e tenera dove prima si puntava alle risate e allo “spettacolo, scritta anch'essa da Brizzi con Massimiliano Bruno, Marco Martani e Pulsatilla che vorrebbe ampliare e approfondire la riflessione molto all'acqua di rose sui contrasti tra i sessi all'interno dei rapporti di coppia: al centro di questa seconda pala del dittico sono i difetti maschili, come l'infantilismo, l'incapacità di crescere, il bisogno quasi compulsivo di avere spazi per regredire, ma anche la tendenza femminile al sotterfugio per cambiare i propri uomini.



CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE LA RECENSIONE DI FEMMINE CONTRO MASCHI



  PAG. SUCC. >