BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PRESADIRETTA/ Spazzatura, i rifiuti in Campania. Video (Rai.tv) e riassunto puntata 6 febbraio 2011

Pubblicazione:

Riccardo Iacona  Riccardo Iacona

Presadiretta – video Rai.tv e riassunto puntata 6 gennaio 2011 “Spazztura” sui rifiuti in Campania – La puntata di ieri sera di “Presadiretta”, il programma condotto da Riccardo Iacona ha affrontato il tema della “spazzatura”: in Campania il problema dei rifiuti è un disastro ambientale. Nell’obiettivo delle telecamere di Iacona il depuratore di Cuma, che in realtà ha creato una vera e propria fogna a cielo aperto, come si evince dalle testimonianze raccolte dai giornalisti. E’ stato imposto il divieto di balneazione sulle rive de litorale Domizio, dove pullulavano i vermi. Una bomba ecologica perché qualcuno nel mare buttava rifiuti. Un paradiso diventato una cloaca a causa del fatto che il percolato non era stato smaltito.

 

Come rivelano alcune incredibili testimonianze, ci sarebbero stati causa di malattie respiratorie come l’asma a causa dei cattivi odori. A Terzigno infatti la discarica non è solo puzza, ma anche malattia. Un medico ha riscontrato anche diversi casi di neoplasie che riguardano il midollo osseo. Un pediatra ha affermato che i bambini respirano aria inquinata e vanno incontro a crisi di asma bronchiale. Tra i casi citati, anche aborti spontanei al quinto mese per gravi malformazioni fetali. Presadiretta chiede se sia pronta la soluzione per i rifiuti della Campania, i napoletani pagano per l’immondizia le tasse più alte d’Italia, ma la differenziata resta una chimera.

 

Che ruolo ha l’ecomafia? Ma per comprendere al meglio la terribile situazione, guardate il video alla pagina seguente.

 

In puntata anche un’intervista a Rosa Russo Jervolino, sindaco di Napoli dal 2001 e ad Antonio Bassolino. Il sindaco di Napoli ha chiamato in causa anche De Gennaro e Bertolaso.

 

CLICCA QUI >> PER GUARDARE IL VIDEO DI RAI.TV DI PRESADIRETTA, PUNTATA DEL 6 FEBBRAIO 2011



  PAG. SUCC. >