BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

NON SMETTERE DI SOGNARE/ La fiction dove Cenerentola insegue il suo sogno come ad Amici

Pubblicazione:

Una scena di Non smettere di sognare (Foto Ansa)  Una scena di Non smettere di sognare (Foto Ansa)

Una bella ragazza di ventidue anni, intelligente, onesta e con la passione per la danza, lavora per un’impresa di pulizie. Un giorno per caso incontra un affascinante produttore televisivo in fase di divorzio, che raccoglie la sua scarpetta (da ballo), si innamora di lei e la aiuta a realizzare il suo sogno. È la fiaba di Cenerentola rispolverata per la centesima volta e riadattata al mondo contemporaneo italiano, dove la tv è il nuovo palazzo del re e il principe veste i panni del produttore di un talent show.

Eppure, Non smettere di sognare non è malaccio. Sarà che sfrutta la mania delle sfide artistiche davanti alle telecamere (Amici, X-Factor) e magari riesce anche a prenderle un po’ in giro, o che Giuliana De Sio nella parte della manager ambiziosa e fissata con la dieta è esilarante; sarà che vedere le fiabe in tv è meglio che sentire parlare di Ruby, in ogni caso la serie segna qualche punto a suo favore.

Forse qualcuno ricorderà il prequel, l’omonimo film tv in cui Lorenzo (il produttore, interpretato da Roberto Farnesi) si innamorava di Stella, la ballerina che ora è diventata sua moglie e lo molla con un biglietto da Parigi. Ovvio: Lorenzo deve essere libero perché sta per incontrare Giorgia, la bella donna delle pulizie che vorrebbe studiare danza, ma è la figlia di una portinaia in difficoltà economiche, non ha raccomandazioni, né conoscenze e quindi non riesce a entrare in un corpo di ballo.



  PAG. SUCC. >