BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PIRANHA 3D/ La ricerca dell’eccesso in un film horror "acqua e sapone"

Pubblicazione:

La locandina di Pirahna 3D  La locandina di Pirahna 3D

Sopra il Lago Vittoria va tutto bene: fervono i preparativi per lo Sping break e stormi di ragazze in bikini si affollano sulle rive del lago. Anche Jake vorrebbe parteciparvi, ma purtroppo deve tenere a bada i suoi fratellini, visto che la madre - che di lavoro fa lo sceriffo - è super-impegnata nel tenere sott'occhio la situazione. Ma come potrebbe fare Jake a dire di no ad un produttore di film porno che lo assume per mostrargli gli scorci più belli del lago? Jake sale così sulla barca del produttore nella speranza di passare un pomeriggio indimenticabile. E così sarà, ma non per le ragioni immaginate da Jake: una scossa tellurica apre una crepa sul fondale del lago, creando così un varco tra il lago ed un bacino preistorico che ha conservato l'animale più pericoloso di sempre: il piranha!


Insomma l'avete capito: ci sono belle ragazze seminude, c'è tanto sangue, ci sono tanti piccoli mostruosi piranha. Questo è, non aspettatevi nemmeno qualcosa in più: "Piranha 3D" è tutto qui! E Alexandre Aja sfrutta al massimo il poco (ma succoso) materiale a sua disposizione, premendo al massimo sull'acceleratore per sfornare l'unico - e sicuramente il più onesto - b-movie di questo nuovo millennio. La regia tiene in piedi una sceneggiatura meglio scritta di quanto non possa sembrare ad una prima occhiata (niente di originale, sia ben chiaro, ma se non altro ha una buona struttura narrativa), e si sbizzarrisce nel momento in cui deve mettere in scena siparietti erotici e le scene di squartamenti per mano - anzi, per zanna - dei piranha.

Un bel film? Nemmeno per sogno, ma almeno un film divertente e onesto, che non ha bisogno di usare critiche sociali per legittimarsi (come fa tanto horror moderno) e che vive solo di ciò che vediamo sulla sua superficie. Niente di più, niente di meno. 

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.