BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DYLAN DOG/ Un film capace di distruggere la "bellezza" della paura

Pubblicazione:

Una scena del film Dylan Dog (Foto Ansa)  Una scena del film Dylan Dog (Foto Ansa)

Gli appassionati di Dylan Dog, il noto fumetto di Tiziano Sclavi, si rassegnino: questo film non è per loro. A meno che non vogliano sorbirsi un teen movie dai toni horror, che ha ben poco da spartire con la storia originale del celebre “indagatore dell’incubo”.

Noi italiani sappiamo che Dylan Dog assomiglia a Rupert Everett e vive al numero civico di Craven Road, Londra, UK. Indossa le Clarks chiare, non usa mai l’ombrello e guida un maggiolone bianco.

Vedere il film significa distruggere anche queste piccole certezze. Tanto per cominciare, siamo a New Orleans. E uno si chiede perché abbiano deciso di cambiare ambientazione. Dylan, che ha il volto dell’ex Superman Brandon Ruth, è rimasto sconvolto dalla morte della sua amata e ha abbandonato il mondo dell’incubo, preferendo una clientela più tranquilla.

Insomma, è diventato un normale detective privato. Almeno finché una donna non gli rivela di aver visto una misteriosa creatura uccidere il padre, e il suo assistente Marcus (che dovrebbe sostituire l’originale Groucho) non si trasforma in uno zombie. Così Dylan si ritrova in azione e deve vedersela con il mondo oscuro dei vampiri e dei licantropi, con l’obiettivo di impedire il risveglio di un demone antico al servizio del capo-vampiro Vargas.



  PAG. SUCC. >