BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SPERIAMO CHE SIA FEMMINA/ Trama e anticipazioni del film in onda stasera, 3 giugno 2011, alle 21.10 –La 7

Pubblicazione:

Fonte: Fotolia  Fonte: Fotolia

Speriamo che sia femmina – Trama e anticipazioni del film in onda stasera, 3 giugno 2011, alle 21.10 su La 7 - In un casale di campagna di proprietà del conte Leonardo, vive la moglie Elena, che lo ha lasciato da anni a causa dei suoi continui tradimenti, insieme alla figlia minore Malvina, al vecchio zio Gugo e alla bambina di sua sorella Claudia, che sta invece a Roma, dove fa l’attrice. Mentre la figlia si occupa dei cavalli, Elena gestisce la proprietà con l’aiuto dell’amministratore con cui ha una relazione da anni, il fattore Nardoni. A casa viene aiutata dalla domestica Fosca,  madre anche lei di una ragazzina. Un giorno Leonardo che vive a Roma con Lolli, la sua amante, arriva per chiedere ad Elena l’ennesimo prestito, perché vuole realizzare un suo progetto. Ha intenzione di riaprire e sfruttare le vecchie terme che stanno nelle sue terre. Elena è però carica di debiti. E così lo stesso amministratore dopo avere esaminato i progetti e i documenti, sconsiglia un’operazione così costosa ed impegnativa. Mentre arriva nella tenuta anche Francesca, la figlia maggiore di Elena e Leonardo, insieme al nuovo fidanzato, specializzato in glottologia, del quale la ragazza è anche l’assistente, Leonardo muore in un incidente d’auto sotto gli occhi dello zio Gugo. Questo fatto ha eventi  disgreganti. Elena decide di vendere la tenuta all’amministratore. Malvina decide di cercare lavoro a Roma. Claudia pensa di riportarsi nella Capitale la bambina e anche Fosca è ormai del parere che sarebbe l’ora di partire con la figlia per l’Australia, dove da anni vive il marito. Dopo che lo zio Gugo è stato sia pure con rammarico sistemato in un gerontocomio, tutto è pronto per il contratto di vendita. Ma tutto ad un certo punto precipita…

CLICCA IL PULSANTE > QUI SOTTO PER LEGGERE



  PAG. SUCC. >