BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

THIS IS BEAT - SFIDA DI BALLO/ Una battaglia che fa “miracoli” a ritmo di danza

Pubblicazione:

Una scena del film This is beat - Sfida di ballo  Una scena del film This is beat - Sfida di ballo

Detroit e la Beat the World Competition. E crew dance che in ogni angolo del mondo provano e riprovano le coreografie con cui cercheranno di stupire pubblico e giuria. Inseguendo il sogno di diventare campioni del mondo. Che non è solo un titolo, bensì la conclusione - o il punto di partenza - di una storia di affermazione, riscatto sociale, integrazione. Un modo e un linguaggio per urlare a tutti la propria presenza, il proprio ruolo e valore. Senza prepotenza, ma al ritmo della passione e di emozioni che trovano forma in uno scatenato incrocio tra corpo e musica.

Questa storia parte da ogni scantinato, tetto, garage agibile che abbia una presa per la musica e spazio a sufficienza per trasformarsi da ragazzi qualunque a dancers di professione. O aspiranti tali. Windsor - Ontario -, Berlino, Rio de Janeiro. Sono solo tre delle città in cui tutto ha inizio. E i protagonisti sono i Fusion, i Flying Steps - campioni del mondo in carica -, i Revolution. Oltre a molte altre crew. Ciascuno con il proprio sogno nel cassetto.

I Fusion di Yuson, che ne è il leader, quello di combinare finalmente qualche cosa di buono. Di far vedere che sì, ci sono anche loro. E che per avere voce in capitolo nel grande discorso del mondo non bisogna per forza aver lanciato in aria il cappellino alla fine di qualche cerimonia di consegna dei diplomi. Perché nella vita ci può essere anche altro. O, meglio, tutto sta nel riconoscere in che cosa si è bravi veramente e concentrare le energie in quella direzione. Oltre al fatto che non bisogna aver paura della novità, di ciò - sia persona o cosa - che è diverso da noi.

È per questo che Yuson - americano e nero - chiede al bianco e londinese Justin di insegnare a lui e alla crew il suo stile ai limiti dell’estremo e del possibile. Il tutto per essere i numeri uno e battere lo spaccone Eric, campione in carica insieme ai suoi Flying Steps. Lui, che crede di essere invincibile e di non aver niente da imparare, solo molto da insegnare. Ai Fusion come ai Revolution, che, con il loro sangue made in Brazil e il cuore di chi ha bisogno di quel premio in denaro per togliersi dalla miseria delle favelas, è pronto a scuotere i propri corpi in un’esplosione di energia latina.



  PAG. SUCC. >