BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CINEMA/ Quando l’attore rischia davvero: le 10 location più pericolose della storia

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

La Batmobile del Cavaliere oscuro  La Batmobile del Cavaliere oscuro

WATERWORLD – Considerato uno dei più grandi flop della storia, in realtà ha prodotto un guadagno netto nelle sale di 100 milioni di dollari. Partiva da un budget di 175 milioni di dollari, e buona parte della somma di denaro è stata spesa per realizzare un enorme bacino marino artificiale al largo della costa delle Hawaii. Una pessima idea, se si pensa che le riprese del film si sono interrotte per tre volte a causa del rischio uragani nella zona.

 

THE BLAIR WITCH PROJECT – Spesso gli attori dei film horror tendono a tenersi su di morale con un buon servizio mensa, una roulotte dove riposarsi nelle pause e altri comfort di vario genere. Non è stato però così per il film “The Blair Witch Project”. I registi volevano che le condizioni fossero le più reali possibili, e hanno quindi privato gli attori di cibo e sonno, trasferendoli più volte da una location all’altra nell’arco della stessa giornata.

 

FITZCARRALDO – Il regista Werner Herzog non è estraneo a location bizzarre per i suoi film, come ha mostrato anche nel suo ultimo documentario “Cave of forgotten dreams”. Tuttavia, il record lo detiene il film del 1982 “Fitzcarraldo”, che è stato girato in Perù dove gli indigeni avevano annunciato di voler uccidere il protagonista Klaus Kinski.

 

LA REGINA D’AFRICA – Girato nel Congo Belga, la sua produzione è stata interrotta dopo che gli attori si sono ammalati di dissenteria amebica e malaria. Le uniche due persone a rimanerne immuni sono state il regista John Huston e l’attore principale Humphrey Bogart, perché bevevano solo whisky invece dell’acqua responsabile dell’infezione.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.