BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BALKAN BAZAR/ Una commedia degli equivoci per raccontare le tradizioni di un popolo

Pubblicazione:

Una scena di Balkan Bazar  Una scena di Balkan Bazar

Lo sguardo di Budina non è mai direttamente politico o allegorico, come quello di molti colleghi più affermati, come Kusturica, ma diretto e popolare, come dimostra l'importanza data al sesso e all'amore - che altro non è che una nuova causa di conflitto - o l'immagine delle bandiere sostituite da lingerie.
Peccato che la sceneggiatura dopo due terzi s'incarti e si perda tra rivoli mal gestiti e poco appropriati e che per arrivare a un pubblico il più vasto possibile, lo stile registico involva nella sit-comedy. Però si percepisce l'amore di Budina per i propri personaggi e se da semplice il film diventa semplicistico, l'espressività degli attori lo riporta a galla: specie delle due, bellissime protagoniste, che giocano con malizia il ruolo delle sperdute capaci di far perdere gli altri. E che alla fine danno anche un senso alla “diaspora” europea che i Balcani hanno vissuto negli ultimi anni.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.