BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FESTIVAL DI VENEZIA/ I film italiani in gara, le schede di presentazione

Pubblicazione:

Immagine d'archivio  Immagine d'archivio

Sono tre i film italiani in gara al prossimo festival del cinema di Venezia: "Quando la notte", "Terraferma" e "L'ultimo terrestre". Vediamoli nel dettaglio

QUANDO LA NOTTE - La scrittrice e regista Cristina Comencini, figlia del famoso Luigi, padre della commedia all'italiana, presenta un film tratto da un suo omonimo libro. Cristina Comencini, scrittrice, sceneggiatrice e regista, ha già una lunga e brillante carriera alle spalle: la sua prima regia è del 1988, con Zoo. Tra i tanti lavori da lei diretti, anche Va' dove ti porta il cuore tratto dall'omonimo libro di grande successo di Susanna Tamaro. Con il film La bestia nel cuore, ha rappresentato l'Italia agli Oscar del 2006. Questo suo ultimo lavoro, in gara al 68esimo festival del cinema di Venezia, è appunto tratto dal suo libro del 2009 "Quando la notte". Nel cast appaiono nomi noti come Claudia Pandolfi e Filippo Timi, quest'ultimo più conosciuto per il suo lavoro teatrale che cinematografico.

E' la storia di una madre, Marina, ambientata a metà degli anni 90, che ha un figlio di 3 anni. Il suo rapporto con il figlio e il suo stesso essere madre non è facile, anzi. Decide allora di andare a vivere per un po' di tempo lontano dalla città e dalla routine, in una baita di montagna, il cui proprietario ha anche lui problemi psicologici. E' un uomo chiuso e schivo, che ha sofferto un trauma nell'infanzia che lo ha portato a stare lontano dalle donne in generale e ancor più dalle madri. La convivenza non sarà facile per niente, anzi arrivando fino allo scontro. Quindici anni dopo Marina torna in quella baita e ritrova l'uomo: sarà forse l'inizio di un rapporto diverso e meno difficoltoso. Le possibilità di vittoria finale al concorso non sono da sottovalutare: la Comencini è regista esperta e la storia ha le carte in regola per piacere a critica e pubblico.




  PAG. SUCC. >