BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

TRANSFORMERS 3/ La battaglia tra bene e male che si trasforma in un giro sulle montagne russe

Pubblicazione:

Una scena del film Transformers 3 (Foto Ansa)  Una scena del film Transformers 3 (Foto Ansa)

“Less is more”, recitava il manifesto del movimento minimalista. Niente di più lontano dalla visione di Michael Bay, il cui ritorno nelle sale cinematografiche di mezzo mondo con il terzo capitolo della saga “Transformers” è all’insegna del troppo, dell’eccesso sotto ogni punto di vista.

Puntuale come un orologio, Bay si presenta all’appuntamento estivo pronto a dividere come sempre pubblico e critica, che aveva maltrattato non poco il precedente Transformers: la vendetta del caduto. Un ritorno davvero in grande, a partire dal budget di 195 milioni di euro, con l’acceleratore pigiato al massimo sugli effetti speciali e l’utilizzo del 3D. Il risultato è un giro sulle montagne russe lungo più di due ore e mezzo, una vera e propria sbornia visiva che lascia lo spettatore letteralmente stordito.

Ancora una volta i robot buoni Autobot contro i perfidi Decepticon, in quello che ha l’aria di essere lo scontro finale (ma alcuni attori hanno già spifferato che un quarto film della saga è possibile). Gli Autobot vogliono salvare gli umani, per i quali nutrono un profondo senso di lealtà, mentre i Decepticon vogliono ridurli in schiavitù e per farlo useranno un potentissimo congegno.

Le vicende dei robot, sempre nell’ottica di mettere più carne al fuoco possibile, si mescolano con la storia recente, in particolare con lo sbarco dell’uomo sulla Luna nel 1969, che nel film riveste fondamentale importanza. Sul fronte umano, ritroviamo l’eroe per caso Sam Witwicky (Shia LaBeouf) insieme alla riconferma di John Turturro/Seymour Simmons e a una sfilza di nuove entrate.

Michael Bay, come già detto, è uno che non si fa mancare nulla e ha prontamente sostituito Megan Fox, licenziata per un infelice paragone tra il regista e Hitler, con la modella di pari bellezza Rosie Huntington-Whiteley. I nomi che spiccano tra le new-entries sono quelli di John Malkovich, Frances McDormand e Patrick Dempsey, ma anche l’esilarante Ken Jeong, reclutato dopo la performance in Una notte da leoni.



  PAG. SUCC. >