BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SUPERQUARK 3/ Anticipazioni della puntata in onda stasera, 7 luglio 2011, ore 21.10 – Rai Uno

Pubblicazione:

Una sera alla tv  Una sera alla tv

Superquark 3 – Anticipazioni della puntata in onda stasera, 7 luglio 2011, alle 21.10, su Rai Uno - Nuovo appuntamento con Superquark stasera alle 21,10 su Rai Uno; con il documentario d’apertura della quarta puntata della serie BBC Human Planet. Proprio gli Oceani permettono l’esistenza della maggior parte delle specie della Terra. Gli uomini però non appartengono a queste, dal momento che non possono bere acqua salata o respirarla. Ma non hanno mai smesso di utilizzarla a proprio vantaggio: nuotando, pescando, con quello sport fantastico che è il surf, viaggiando sugli stessi Oceani. Del resto più di un terzo della popolazione mondiale vive sulle coste dell’Oceano. Anzi alcune popolazioni sono dipendenti profondamente da esso per la loro stessa sopravvivenza. E’ il caso ad esempio dei pescatori del Sud – Est asiatico o della laguna brasiliana. Oceano protettivo e nello stesso tempo distruttivo quando la forza della natura raggiunge vertici veramente terrificanti. Come è i caso dello tsunami. Lorenzo Pinna e Cristina Scardovi poi ci racconteranno del luogo dove sono custoditi ed elaborati i dati che permettono allo Stato di trovare i soldi per mandare avanti il Paese. Si tratta del bunker elettronico del fisco. Mentre nel servizio di Barbara Gallavotti e Giulia De Francovich si spiegheranno le modalità con cui si costruisce una metropolitana. Si scava in profondità con delle perforatrici meccaniche, che creano un tunnel delle lunghezza necessaria. Ed è una cosa che probabilmente si potrebbe fare anche per le tubature e i cavi sotto le strade, perchè la tecnologia per realizzare  tutto ciò è possibile Già inizia ad essere applicata in diverse parti del mondo. Poi nel servizio di Lorenzo Pinna si parlerà dello scioglimento dei ghiacciai terrestri, come quelli della Groenlandia. Ricerche molto autorevoli rilevano che questo fenomeno si sta accelerando. E non è cosa assolutamente da trascurare, perché tutto questo potrebbe provocare l’innalzamento del livello del mare. Nel servizio invece di Cristiano Barbarossa si spiegherà l’importanza della microelettronica che è arrivata persino negli ospedali, anche nell’assistenza ai pazienti.



  PAG. SUCC. >