BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

RITORNO AL FUTURO/ Bob Gale spiega come si conobbero Marty MacFly e Doc

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Michael J. Fox e Chris Loyd  Michael J. Fox e Chris Loyd

E' stato uno dei film più amati e di successo degli anni Novanta. Uno degli autori di Ritorno al futuro spiega, 25 anni dopo, come si conobbero Marty McFly e Doc, lo scienziato pazzo.

MICHAEL E CHRIS - La saga di Ritorno al futuro - Back to the Future, è stato uno dei film più amati degli anni Ottanta e ancora oggi viene riscoperto da nuove generazioni che si appassionano alle incredibili avventure di Marty McFly (l'attore Michael J. Fox) e dello scienziato pazzo Doc Brown (Chris Lloyd, di cui si ricorda la straordinaria partecipazione nel film Qualcuno volò sul nido del cuculo). Ritorno al futuro, pur nella sua trama affrontata da molti altri film, quella relativa al sogno costante dell'uomo di poter viaggiare nel tempo, fu un fenomeno cinematografico di quelli che accadono più o meno una volta a decennio. L'ottima regia, la trama eccitante e ricca di colpi di scena, le trovate tecnologiche per l'epoca avveniristiche, il gusto nostalgico verso certi momenti romantici della storia della società americana, contribuirono a renderlo immediatamente cult e a permettergli di avere ben tre episodi successivi nel corso degli anni. Ma quello che fece innamorare tanti spettatori furono i due fantastici protagonisti, la coppia Michael J. Fox (che proprio dopo il terzo episodio si ammalò di una grave forma di Parkinson, cosa che comunque non gli ha impedito di continuare a recitare) e Chris Lloyd. Il primo, un ragazzo tipico della classe media americana, eternamente vestito con il classico piumino senza maniche che andava di moda negli anni Ottanta, il secondo scienziato geniale e pazzoide con i capelli bianchi sparati in testa alla Einstein. I due insieme scorazzano avanti e indietro nel tempo, combinandone di tutti i colori e cementando una bella amicizia. Già: una amicizia nata come? E' una domanda che è frullata in testa a tanti fan per anni (per l'esattezza 25, festeggiati l'anno scorso) da quando uscì il primo episodio della saga. Come possono essersi conosciuti un ragazzo del liceo e uno scienziato strampalato? Oggi, uno degli autori della sceneggiatura, ha spiegato finalmente come ciò sia successo.



  PAG. SUCC. >