BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LA PORTA DEL CIELO/ Christian de Sica sarà suo padre Vittorio nel film sulla storia d'amore con Maria Mercader

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Maria Mercader e Vittorio De Sica  Maria Mercader e Vittorio De Sica

LA STORIA D’AMORE – Vittorio De Sica e Maria Mercader si conobbero quindi nel 1942 sul set di “Un garibaldino al convento”. Le prime fasi del loro rapporto furono turbolente: per i primi tre giorni De Sica la lasciò chiusa nel camerino senza chiamarla mai a recitare. Poi il regista gettò via i panni professionali e iniziò a corteggiarla. Ma il loro amore doveva restare per molto tempo clandestino: Vittorio era sposato dal 1937 con Giuditta Rissone, da cui aveva avuto la figlia Emilia. Il regista portò avanti per alcuni anni una doppia esistenza, non volendo rinunciare alla prima famiglia. Iniziò una vita di salti mortali per poter passare le feste con entrambe le famiglie. Addirittura, si racconta che alla Vigilia di Natale e all'ultimo dell'anno spostasse l'orologio in casa della Mercader avanti di due ore in modo da brindare a mezzanotte. La prima moglie dopo alcuni anni scoprì la relazione e comprese che non si trattava di una semplice scappatella. Vittorio e Giuditta decisero però di mantenere il segreto con la figlia e portare avanti il matrimonio come se nulla fosse per non ferire la piccola Emi. Intanto De Sica continuava a frequentare Maria Mercader che riuscì a sposare nel 1959 in Messico, dopo aver ottenuto il divorzio dalla Rissone nel 1954 sempre nel paese centroamericano. L’unione, tuttavia, non fu riconosciuta dalla legge italiana. Solo nel 1968, ottenuta la cittadinanza francese, Vittorio De Sica poté convolare per la seconda volta a nozze con la Mercader, a Parigi, e vedere sancita la propria unione con l’attrice catalana, da cui, intanto aveva avuto due figli: Manuel nato nel 1949, musicista e Christian, nel 1951, che sulle orme del padre diventa attore e regista.



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >