BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SATIRA/ Un consiglio ai giovani in cerca di lavoro: fate i baristi, non ‘sti bari!

Pubblicazione:

Chi sono i baristi? (Fotolia)  Chi sono i baristi? (Fotolia)

Il mercato del lavoro in Italia, soprattutto per i giovani, è amaro? E allora perché non cercate un posto come baristi? Il consiglio è arrivato dal programma scientifico “Desidera Quark…osa da bere?”, condotto su Rai Uva dalla coppia Gin & Fizz in collaborazione con Piero Angela. Ad avvalorare la tesi c’è anche la notizia che le figure più richieste d’estate sono proprio quelle legate al settore della ristorazione: cuochi, camerieri e, appunto, baristi.

Ma che lavoro è quello del barista? Come dice lo Zingarelli, un vocabolario che sa tante cose perché le ha rubate qua e là in giro per il mondo, “i baristi sono coloro che vivono sempre dentro i bar e invitano sempre tanta gente a cui offrono sempre gentilmente qualcosa da bere, ma prima che tu vada via te la fanno pagare. Sempre”.

Generalmente sono di origine meridionale, tendenzialmente pugliesi, e più precisamente provengono da Bari, da qui il nome di baristi. Se fossero di Reggio, infatti, si chiamerebbero registi e li chiameremmo per girare un bel film. Se fossero di Pavia, si chiamerebbero pavimentisti e allora li chiameremmo per riparare il pavimento di casa. Se fossero di Latina, si chiamerebbero latinisti e allora li chiameremmo a dar ripetizioni a nostro figlio. Se fossero di Trieste, si chiamerebbero tristi, e allora non li chiameremmo affatto.

Attenzione che i baristi non sono da confondere con coloro che nei bar giocano a carte e vi vincono tutti i soldi: questi non sono i baristi, ma ‘sti bari!.

Alcuni baristi dissidenti, anni fa, hanno lasciato Bari e hanno dato vita a un’altra città. Un evento da festeggiare, ma al momento del brindisi d’inaugurazione nessuno aveva pensato come chiamare l’insediamento urbano appena costituito. A un certo punto, rompendo l’imbarazzante silenzio generale, quando uno ha gridato “Brindisi!”, tutti hanno applaudito al nome della nuova città. Anche i brindisisti hanno deciso di continuare a fare i baristi, solo che adesso vendono solo spumanti.

 

Caratteristiche. I baristi amano avere il proprio bar, se possibile, nella piazza principale della città. In questo caso il barista in questione prende il nome di baricentro. Quelli che stanno in periferia, invece, si chiamano “a barte”. Se il locale che gestisce è di dimensioni ridotte, diciamo tra i 90 e i 110 centimetri, il barista viene chiamato barometro.



  PAG. SUCC. >