BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SEX AND THE CITY/ In arrivo la nuova serie televisiva: la vita di Carrie prima di arrivare a New York

Pubblicazione:

Le protagoniste di Sex and the city  Le protagoniste di Sex and the city

Ormai è ufficiale: non vedremo mai “Sex and the city 3” al cinema, nonostante i rumors dei mesi scorsi, ma i fan della serie e dei film possono stare tranquilli, perché potranno scoprire la vita di Carrie Bradshaw prima di diventare una giornalista amante degli aperitivi, dello shopping e in particolare delle scarpe Manolo Blahnik. Da quanto si legge sul sito internet Deadline, sembra infatti che stia per arrivare in televisione una serie tv ispirata al libro “The Carrie Diaries”, i diari di Carrie, di Candace Bushnell, i cui diritti sono stati acquistati dal network CW. Realizzato dai produttori di “Gossip girl”, Josh Schwartz e Stephanie Savage, la serie tv dovrebbe proprio raccontare la vita della protagonista prima che fosse come l’abbiamo conosciuta sul piccolo e sul grande schermo. La storia sarà ambientata negli anni Ottanta e racconterà il passaggio di Carrie dalla provincia americana direttamente a New York. Quello che sconvolgerà completamente la serie è la comparsa di personaggi tutti nuovi, e già si parla di due sorelline, Missy e Dorrit e di un primo amore, Sebastian Kydd. Al posto di Charlotte e Miranda vedremo una certa Donna La Donna, mentre l’unica sopravvissuta è Samantha, una delle prime persone che Carie conobbe dopo essere arrivata nella Grande Mela. Stando a quanto emerge dalle informazioni della stampa americana, sembra che Sarah Jessica Parker non sarà coinvolta in questo nuovo progetto del piccolo schermo, mentre già sappiamo che certamente non ci sarà Michael Patrick King, produttore esecutivo e sceneggiatore di molti episodi di Sex and the city che, dopo essersi chiamato fuori il mese scorso, ha dichiarato: “La mia Carrie Bradshaw aveva 33 anni quando ha iniziato ed io l’ho portata fino ai 43 ma non ho mai voluto sapere nulla dei suoi genitori, perché per me Carrie esisteva solo a Manhattan. Quindi per me l’idea di andare a ritroso nel tempo e di renderla meno emancipata è qualcosa che non riesco nemmeno ad immaginare”. Chissà se questa nuova serie piacerà ai fan che, in preda a una curiosità dilagante, già si chiedono chi potrà mai interpretare il ruolo fondamentale della “adolescente” Carrie.



  PAG. SUCC. >