BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL SEGRETO DELL’ACQUA/ Scamarcio commissario anomalo per un nuovo polizesco all’italiana

Pubblicazione:

Riccardo Scamarcio, protagonista della fiction Il segreto dell'acqua  Riccardo Scamarcio, protagonista della fiction Il segreto dell'acqua

Naturalmente la situazione è molto più confusa di quello che sembra. Tanto per cominciare, la bella Daniela è fidanzata e sta per sposarsi. Non solo: il futuro marito è il fratello di Angelo, anche se lei non lo sa. Ci sono tutte le premesse per uno scontro tra consanguinei, un modello classico del cinema e della letteratura, che porterà avanti la linea sentimentale nel corso delle sei puntate. La leggerezza con cui è affrontato il tema del tradimento, però, suscita molte perplessità sull’idea dell’amore che emerge dalla storia. Come se cedere alla tentazione e poi fare finta di niente fosse assolutamente normale.

Intanto, Angelo si trova a indagare sull’omicidio di un africano annegato in una piscina in costruzione, un caso che va a incrociarsi con le proteste per la mancanza di acqua potabile in un quartiere palermitano e che si rivelerà più complicato del previsto. Convincere gli indolenti colleghi a darsi una mossa e a lavorare non è un’impresa facile, ma offre l’occasione di alleggerire il tono della serie e di prendere in giro una Sicilia bellissima, ma inefficiente.

Lo sguardo disincantato su una regione pigra e dominata dalla mafia, però, non sconfina nella rassegnazione tipicamente italiana. Lo sgangherato commissariato è formato da gente buona, generosa, che va addestrata ad affrontare con uno spirito diverso il lavoro quotidiano, ma che ha in sé il potenziale per trasformarsi in una squadra unita contro il crimine. Insomma, un gruppo di antieroi destinati (forse) a portare un po’ di giustizia in un mondo molto imperfetto.



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >