BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

TV/ La caccia all’informazione che lascia l’Italia a bocca asciutta

Pubblicazione:

Foto Fotolia  Foto Fotolia

Banfi deve ricorre a La grande guerra di Mario Monicelli, per dimostrare che gli italiani tirano fuori il meglio di sé quando sono in difficoltà… si vede che per ora non se ne sono ancora accorti.

Il vostro povero Yoda, per gli amici del Sussidiario, ha addirittura accettato di seguire contemporaneamente Blog - La versione di Banfi e Piazza Pulita di Formigli, la controfigura di Santoro.

Che punizione, ricominciare l’anno televisivo vedendo una brutta copia di Annozero, con gli stessi soliti ospiti, e una copia delle copie dei programmi di approfondimento in versione Mediaset. Così curiosamente si vede Di Pietro in diretta da una parte e Di Pietro in registrata dall’altra. Stessa domanda di inizio: “Doveva essere il giorno della spallata…e invece…”. Rutelli da Banfi elude la domanda e fa il suo comizietto. Belpietro accusa Di Pietro di agitare la piazza per qualche voto in più, dimenticando che lui fa lo stesso per qualche copia in più. Poi Banfi sostiene che il Paese va male perché “c’è gente come questa”…e mostra un servizio sui siti di escort, il mestiere più vecchio del mondo! Mostra pure un servizio dove si dà la possibilità alla ormai famosa Terry de Nicolò di dare la sua versione dei fatti, su cui Yoda si permette di mantenere le sue personali riserve, come sulla favola della nipote di Mubarak.

A Yoda non importa che la Picierno sia o meno del Pd, ma non può non essere d’accordo con lei quando afferma che il lascito più pesante dell’era berlusconiana è un’antropologia in cui la felicità è di plastica, l’apparire è tutto, e l’aspirazione alla ricchezza e alla fama giustifica qualsiasi comportamento. Non ci saremmo mai aspettati che una persona così garbata e politicamente corretta come Banfi cercasse di sviare il discorso da questo tema oggettivamente scottante chiedendo se in passato la sinistra aspirando alla libertà sessuale non sia stata altrettanto colpevole (proprio oggi il Papa ha detto che in Italia c’è bisogno di una riscossa etica…). A parte il mescolare le pere con le mele, due torti non fanno una ragione.

Ma a proposito di pere e di mele, saltabeccando da un programma all’altro, non si può negare di venire sommersi dall’effetto insalata russa. Vediamo di spiegarci: Santoro è un istrione con il senso del ritmo televisivo, capace di saltare da un tema all’altro mantenendo viva la tensione. Un vero mattatore catodico. I suoi imitatori non hanno però le stesse doti: Formigli affastella argomenti su argomenti allungando il brodo, mostrando a tutto tondo la sua stoffa di buon gregario che tale doveva rimanere. Banfi si aggira nel percorso minato di escort, degrado del Paese, caso Milanese, Lampedusa, caso Tarantini, ecc. 



  PAG. SUCC. >