BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CHI L’HA VISTO?/ Il caso di Melania Rea, del piccolo Jason e di Simona Floridia. Le novità. Puntata 28 settembre 2011

Pubblicazione:

Federica Sciarelli  Federica Sciarelli

Chi l'ha visto?: i casi di Melania Rea, del piccolo Jason e di Simona Floridia. puntata 28 settembre 2011. Ieri sera a Chi lpha visto? sono stati dati i più recenti aggiornamenti sull'omicidio di Melania Rea, la mamma ventonivenne uccisa, per il cui omicidio resta in carcere Salvatore Parolisi, marito della vittima. In studio da Federica Sciarelli erano presenti il papà di Melania e lo zio Gennaro; tra le novità svelate il fatto che ci fossero chat tra Parolisi e la sua amante proprio dal computer dello zio di Melania. In onda un servizio valutare l’attendibilità della professione di innocenza di Salvatore. Secondo quanto riferito nella puntata di Chi l’ha visto, Salvatore fa due ipotesi circa la natura dell’assassinio. O è stato premeditato ad opera di qualcuno uno che conosceva molto bene Melania oppure è stato il frutto di una tragica casualità ad opera di qualcuno che avrebbe colto Melania di sorpresa. Secondo la redazione del programma a seconda ipotesi non reggerebbe in quanto non vi sono segni di lotta, nessuno avrebbe udito Melania urlare o ribellarsi, per di più non avrebbe nemmeno pianto dato che  il suo trucco era rimasto intatto. Dunque Melania conosceva il suo assassino con cui fra l’altro avrebbe anche praticato del sesso consensuale prima di essere uccisa. E poi perché un estraneo si sarebbe preoccupato di tornare sul luogo del delitto per sfregiarle il volto? Per depistare le indagini e da chi? Queste le domande del servizio. Anche l’ipotesi di un assassinio premeditato è alquanto fragile. Perché l’assassino non avrebbe atteso che il marito fosse al lavoro? E quale sarebbe il movente? A fine servizio vengono ricostruite le dichiarazioni rese agli inquirenti da Salvatore e della sua amante, e una volta a confronto vengono sottolineate ancora una volta tutte le contraddizioni in cui Salvatore sarebbe ricaduto. Perché a distanza di un solo giorno dalla scomparsa della moglie avrebbe chiesto all’amante di liberarsi del suo cellulare per paura che venisse requisito durante una perquisizione? Avrebbe inoltre mentito all’amante dicendole che si era accordato con la famiglia di Melania per nascondere i suoi problemi coniugali agli inquirenti. Salvatore avrebbe poi cercato di depistare le indagini fornendo numerosi possibili sospettati, una donna misteriosa, vicini di casa e perfino alcune delle sue ex allieve della caserma. (continua alla pagina seguente)



  PAG. SUCC. >