BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SANGUE CALDO/ Anticipazioni seconda puntata, 16 settembre 2011 e riassunto prima: addio a Mister (Garko). Antonia vuole vendicare la madre

Pubblicazione:

Gabriel Garko  Gabriel Garko

Sangue caldo, anticipazioni seconda puntata, 16 settembre 2011 e riassunto prima – Sangue caldo, un mix di melò, crimine, passioni e vendetta è la nuova fiction che ha esordito su Canale 5. Cosa accadrà nella seconda puntata? (anticipazioni alla pagina seguente). Inizierà il doloroso percorso di Antonia (Manuela Arcuri) decisa a tutti i costi a vendicare l’assassino della madre. Il riassunto della prima puntata. Nella Roma del 1958 Anna Rosi (Asia Argento) è una prostituta, madre di due figli, Antonia, di tredici anni e Sergio, di dieci. La sua vita sta per cambiare perché Arturo (Gabriel Garko) ha deciso di sposarla e di riconoscere i suoi figli. L’uomo è però il pericoloso bandito Mister, che prima di chiudere con il crimine vuole fare un ultimo colpo. La rapina in banca, da cui dipende il futuro di Anna e Mister finisce male: la polizia interviene prima del previsto, così alcuni uomini della banda vengono uccisi, Misrer fugge con i duecento milioni del bottino, ma non ha fatto i conti con il pericoloso complice Gianni, deciso a prendere i soldi. Il commissario Malaspina (Vincent Spano) inizia le indagini e arriva a Mister. L’uomo, braccato, chiede ad Anna di fuggire a Lugano con i soldi, lui la raggiungerà. Anna a malincuore accetta, ma non riesce a partire perché Malaspina vuole interrogarla. Una scatola di fiammiferi caduta dalla tasca di Mister, in fuga, porta il nome del locale in cui lavora Anna. Intanto Gianni raggiunge Arturo e lo obbliga a dirgli dove sono i soldi, Arturo si rifiuta e il complice lo uccide. L’uomo inoltre intercetta una telefonata di Anna Rosi e capisce che la donna ha i duecento milioni. Ora Anna è in pericolo. Oltre alla Polizia sulle sue tracce c’è anche il criminale. Malaspina oltre alla moglie ha anche un grande dramma personale, la moglie è gravemente malata di tumore al seno. La legge Merlin sta per far chiudere il casino di Anna, così la donne e Loretta (Valeria Milillo) si trasferiscono in un appartamento con i figli della Rosi, che apre un bar. Intanto si sparge la voce che Anna si è arricchita. Il commissario cerca di far parlare Anna e di farle dire la verità sui complici della rapina, per trovare l’assassino di Arturo, ma la donna non dice nulla. Anna decide di mandare Antonia in collegio per darle la possibilità di studiare e di crescere bene. Una sera, mentre torna  a casa, Anna viene assalita da un uomo. Ne accorre un altro per difenderla. L’aggressore era l’amante di Gianni e l’uomo che l’ha salvata è proprio Fontana. Anna per ringraziarlo lo invita a casa. Ma si tratta di una trappola: l’uomo vuole recuperare i soldi. Anche Sergio e  Enea,il figlio di Fiorella vengono portati in collegio, ma separati. I due bambini stringono un patto di sangue. Gianni Fontana cerca in tutti imodi di conquistare Anna, per arrivare ai soldi di quella vecchia rapina. Malaspina nota la coppia e decide di indagare su Fontana. L'amante di Gianni lo obbliga a sposare la Rosi, in modo da mettere le mani sui soldi in modo legale: lui le fa la proposta di matrimoino, ma lei rifiuta. Poi ci ripensa, ma prima gli rivela di essere stata una prostituta, Gianni decide di sposarla comunque e di riconoscere i figli. Sergio però non è contento. Anna, nel giorno del matrimonio, consegna a Loretta il medaglione con il numero del conto in Svizzera con i soldi, ma arriva Antonia e lo prende lei. Anna le dice che deve custodirlo molto bene, ma non le spiega nulla. La ragazzina vede il complice di Gianni (non sa che sono amanti) minacciato da un uomo con la pistola e lo dice a Gianni. Intanto lla festa arriva la squillo che era stata torturata da Gianni e dice a Loretta che Fontana è un criminale. Loretta non le crede e la faccia. La prima notte di nozze Gianni picchia Anna e le chiede di dirle dove sono i soldi, altrimenti le toglie i figli.



  PAG. SUCC. >