BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CHE DIO CI AIUTI/ Il bacio di Giulia e Marco tra i fornelli…

Pubblicazione:

Ricci e Poggio in Che Dio ci aiuti  Ricci e Poggio in Che Dio ci aiuti

Questa infatti, che doveva fingere d'essere la figlia dei due, rivela tutto a suon Angela, e così, con l'aiuto di Giulia, che anche in quest'occasione si mostra molto vicino a Marco, quasi come se tutti i rancori fossero ormai scomparsi, Marco riesce a venire a capo della faccenda. La soluzione sembra essere in un vecchio casolare abbandonato, dove l'ispettore si reca da solo. Qui è dove la piccola era stata tenuta a lungo primo dello scambio. Il luogo però non è affatto abbandonato, e infatti ci sono l'uomo che ha organizzato l'intera operazione e l'assassino dello zio della bambina. La situazione si complica per Marco, che rischia seriamente di morire. Infatti i due lo legano a una delle travi e lo cospargono da capo a piedi di benzina. Una volta usciti, danno alle fiamme l'intero edificio, condannando a morte l'ispettore. Giusto in tempo però arrivano sul posto suor Angela e Giulia, che avevano sospettato che quel luogo potesse essere pericoloso, e così, fidandosi del loro istinto femminile, hanno risolto la situazione. Il caso viene poi chiuso, con i criminali che terminano in carcere e la piccola, sfruttata fino a oggi, viene poi realmente adottata dalla famiglia che era stata raggirata dai due furfanti. La puntata però termina ancora una volta parlando d'amore. Nella prima puntata Marco e Giulia si erano mostrati molto più vicini di quanto si era mai visto. Stavolta l'ispettore, andato in cucina per cercare un po' di ghiaccio, incontra la ragazza e, trovando finalmente un po' di coraggio, che di solito mostra soltanto in azione, le si avvicina e le strappa un bacio. La storia tra i due sembra così poter finalmente sbocciare, anche perché Azzurra ha chiuso una volta per tutte la relazione con Marco, lasciandolo così a Giulia.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.