BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

L’INDUSTRIALE/ Il regista: racconto la fatica di tutti gli imprenditori-operai d'Italia

Pubblicazione:

Giuliano Montaldo e Pierfrancesco Favino  Giuliano Montaldo e Pierfrancesco Favino

Quale aspetto de L’industriale lei vede che rispecchia maggiormente la realtà?

 

La sofferenza di chi perde il lavoro. Abbiamo pensato molto, realizzando il film, alle drammatiche notizie che arrivavano dal Nord-Est: operai diventati leader in azienda sono arrivati al punto di togliersi la vita. È una cosa terrificante, che ha segnato profondamente me e i miei collaboratori durante le fasi di lavorazione del film.

 

Al di là dei risultato al botteghino, cosa si aspetta dall’arrivo nelle sale de L’Industriale?

 

Spero che sia un film che abbia la forza di far discutere. Un film funziona, a prescindere dagli incassi, quando gli spettatori escono dalle sale dopo lo spettacolo e non vanno direttamente a casa, ma si fermano a parlare, a discutere della storia che hanno appena visto. Quando questo accade, un film ha vinto, perché porta dentro di sé la voglia di far discutere delle problematiche che l’opera stessa ha posto. Nel caso de L’Industriale, i temi sono la solidarietà e l’attenzione a dove “andremo a finire”, perché la crisi esplode anche nelle famiglie, non soltanto nella fabbriche. Come rivela la storia di Nicola, il protagonista. Ciò che spero emerga è l’aspetto della fatica che un imprenditore deve fare per mantenere la propria impresa “viva” nel suo campo. Come accade a Nicola…

 

(Camilla Schiantarelli)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.