BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ANITA/ La fiction in costume che celebra l’Unità d’Italia

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Anita  Anita

ANITA - Ana Maria de Jesus Ribeiro da Silva è bellissima, fiera e ribelle. Una ragazza moderna e coraggiosa, che però ha la sfortuna di nascere nella prima metà dell’Ottocento, quando la società non consente alle donne di decidere e di pensare con la loro testa. Cresciuta in un Brasile tormentato dalla povertà e dai disordini politici, Ana Maria è costretta dalla famiglia a sposare un rozzo calzolaio e sembra condannata all’infelicità, ma arrendersi o piangersi addosso non è nella sua natura. Tra le cavalcate sulle selvagge spiagge brasiliane e gli scontri armati nella zona di Laguna, l’indomita ragazza a cui presta il volto Valeria Solarino incontra il giovane Giuseppe Garibaldi (Giorgio Pasotti), che parla di lotte, di repubblica e di libertà. L’italiano è subito affascinato dalla mora ribelle che lo tratta alla pari, perciò decide di conquistarla: la chiama Anita, anche se a lei non piace, e le dice senza esitazione “un giorno sarai mia”. Lei non è indifferente alle sue attenzioni, ma è pur sempre una donna sposata. Almeno finché il marito violento non muore durante uno scontro. La passione esplode sulla spiaggia deserta e Anita non tarda a dimostrare il suo carattere a Josè, come lo chiama lei: “se mi tradisci ti ammazzo”, lo minaccia prima di baciarlo.

La fiction storica di Rai 1 che vuole celebrare i 150 anni dell’unità d’Italia è dedicata alla famosa moglie dell’Eroe dei due mondi, una donna che merita di essere raccontata al pubblico per la personalità fuori dal comune e per la sua vita avventurosa. La colonna sonora e la fotografia rendono onore agli splendidi paesaggi e alla vicenda epica, gli attori sono bravi e la storia intrigante, almeno in questa prima parte dove si narrano gli eventi meno noti al pubblico.

Rispetto a molte fiction in costume a cui siamo abituati, Anita non indugia eccessivamente nel melò e ha un tocco esotico che può intrigare lo spettatore. La protagonista colpisce perché è anticonformista, sa amare ma vuole anche combattere e non si sottomette alla volontà altrui. È una donna che unisce la passionalità romantica alla grinta tipicamente maschile, incarnando il modello dell’amazzone, la fiera guerriera della mitologia antica.



  PAG. SUCC. >