BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CINEMA/ Benvenuti al Nord, J. Edgar e il "caso Bellocchio" pronti ad animare il 2012 della critica

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Una scena del film Benvenuti al nord  Una scena del film Benvenuti al nord

Un 2012 ricco di grande cinema. Sono parecchie infatti le uscite della nuova stagione cinematografica a destare interesse, dal ritorno dei grandi nomi come Martin Scorsese e Bernardo Bertolucci, alla commedia italiana che ha già in cantiere per il prossimo Natale un nuovo Checco Zalone, ma anche opere di impegno civile. A questo proposito, anche se non è previsto per il 2012 perché già si annuncia di gestazione complessa e quindi non si prevede in uscita almeno fino al 2013, c'è da segnalare il nuovo film di Marco Bellocchio (La bella addormentata) che tratterà il delicato tema dell'eutanasia, in particolare il caso drammatico di Eluana Englaro. Un film ancora lontano nel tempo, ma che proprio per l'argomento sta suscitando già adesso polemiche accese. Il regista, infatti, in un'intervista uscita in questi giorni ha lanciato accuse contro "ostacoli" che si starebbero ergendo contro il suo lavoro. Un problema di finanziamenti: sarebbero minacciati quelli della Regione Friuli, dove verrà girato il film e dove si svolge la storia. Bellocchio ha parlato di "atteggiamento poco democratico" e ha aggiunto: "Io, quando faccio un film, sono abituato a dire ai miei interlocutori: 'Giudicate voi, fatevi una vostra idea'. Ostacolarlo prima ancora che sia fatto mi sembra davvero poco democratico''. Gli ha fatto eco il suo produttore, Riccardo Tozzi, parlando di censura nei confronti del regista. Di questo e delle principali uscite del 2012 IlSussidiario.net ha parlato con Antonio Autieri, direttore di Box Office e del sito Sentieridelcinema.it.

 

Quali saranno le novità al cinema del primo scorcio del 2012?

 

Il mese di gennaio essenzialmente sarà dedicato alla commedia italiana con alcuni sequel. Primo di tutti Benvenuti al nord, sequel di Benvenuti al sud il grande successo di Claudio Bisio con la regia di Luca Miniero. Quindi il nuovo film di Verdone, Posti in piedi in Paradiso, e ancora ricordiamo il nuovo film di Fausto Brizzi, Maschi contro femmine. Uscirà anche il film dal tema molto scottante sugli episodi all'interno della caserma Diaz di Genova, i fatti del 2001 al G8, e poi Big House di Matteo Garrone, il regista di Gomorra, che dovrebbe essere una parodia di uno che vuole andare al Grande Fratello.

 

Molti film italiani dunque. E sul versante internazionale?

 

Anche qui tante pellicole, anche perché parliamo dei cosiddetti film da premio, quelli che verranno in gran parte candidati agli Oscar e ancora prima ai Golden Globe. Molti di questi film potremo vederli già a febbraio anche in Italia.

 

Ad esempio?

 

Moneyball-L'arte di vincere, il film con Brad Pitt, il nuovo di Martin Scorsese, Hugo Cabret, girato in 3D, il nuovo di Clint Eastwood, J. Edgar sulla storia del capo del Fbi che uscirà il 4 gennaio con Leonardo Di Caprio protagonista. Parecchi di questi film sono anche molto interessanti.

 

A proposito di film italiani di prossima uscita, sta già alzando polemiche il film La bella addormentata di Marco Bellocchio dedicato al caso di Eluana Englaro.



  PAG. SUCC. >


COMMENTI
02/01/2012 - Buttiamo i soldi, dato che siamo ricchi... (Paolo Melacarne)

L'ipotetico finanziamento al film eutanasico di Bellocchio mostra ancora una volta come siano sperperati i soldi pubblici. Perché non lo gira coi "soldi suoi" e poi si affida al successo (?) di pubblico per ripagarsi le spese e (spero di no) guadagnarci? Perché devo essere costretto a finanziare con le (tante) tasse un'opera ideologica che propone una dottrina per me omicida? E` un'opera sociale? salva la vita a qualcuno? dà da mangiare a qualche emarginato o disoccupato? aumenta il benessere ? no. E` solo spreco di danaro pubblico che si potrebbe utilizzare per il famoso "cresci Italia". Tolleranza è permettere a questo film di nascere. Sentirsi in dovere di finanziarlo, anche se immorale, è ottusità.