BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BEPPE GRILLO/ Il monologo da Santoro: l’Italia come la tragedia della Concordia

Pubblicazione:

Beppe Grillo (Foto Imagoeconomica)  Beppe Grillo (Foto Imagoeconomica)

Un agricoltore lamenta il fatto di essere considerato un coltivatore diretto solo perché versa contributi per 3000 mila euro all'INPS, che in caso contrario non pagherebbe in caso di infortunio sul lavoro. Molto forte è la polemica, la classe politica è considerata come una vera e propria casta, incapace di andare incontro ai lavoratori, quei lavoratori che con il loro sudore e i propri sacrifici devono guidare l'Italia fuori dal tunnel della crisi economica; ma se lo Stato non incentiva e salvaguarda il lavoro del singolo cittadino, le speranze di uscire sono praticamente nulle.
Un altro coltivatore diretto lamenta il fatto che al sud i carciofi che produce vengano pagati solo 2 euro, mentre al nord, al chilo, vengono "pompati" a cifre inverosimili, fino ad arrivare a 10 euro. Tutti gli agricoltori, dice, hanno dovuto ipotecare l'azienda agricola, perché la concorrenza con i prodotti d'importazione è alta: all'estero hanno costi di trasporto e di imballaggio irrisori rispetto a quelli che devono sostenere i coltivatori italiani, ecco perché sui mercati italiani i prodotti extra - europei si trovano a prezzi bassissimi.
Le tasse - dice un bracciante - vanno pagate, ma quelle giuste, non quelle che hanno come unico scopo quello di garantire il lusso ai politici e la fame e la miseria al popolo lavoratore.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.