BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PRESADIRETTA/ Discarica di Malagrotta: emergenza rifiuti in Lazio? Puntata (video) 22 gennaio 2012

Pubblicazione:

Riccardo Iacona  Riccardo Iacona

Il prefetto ha proposto al signor Alfredo Lauteri, imprenditore agricolo proprietario di gran parte di quei territori, di trasformare l'inceneritore in un business personale. Ma il proprietario si è opposto, dichiarando di non voler disfare il suo centro zootecnico, il quale, paradossalmente, è stato finanziato per il 35 per cento dalla regione Lazio. Il centro contiene prodotti a filiera controllata, tra cui una consistente fetta del latte di Roma, che Lauteri assieme ad altri agricoltori producono giornalmente. Altro caso del "modus operandi" della regione riguarda Peccioli, sito di una già esistente discarica dove, per ottenere il consenso della gente del luogo, sono stati promessi un gassificatore in grado di ridurre l'inquinamento e delle ecoballe trattate, oltre all'abbattimento delle spese dei rifiuti pagate dai cittadini. Ma nessuna delle misure è stata rispettata. La trasmissione analizza proprio il punto principale e risolutivo del problema: la raccolta differenziata. A Roma, purtroppo le percentuali si aggirano su un 80 per cento di indifferenziata a fronte di un 20 per cento che lo è. Le cifre migliorano in quartieri come Trastevere, dove viene effettuata porta a porta. Qui infatti diventano addirittura del 70 per cento. Inoltre, si sta diffondendo anche il modello "duale"(umido-non riciclabile). Ma c'è un limite anche alla raccolta differenziata: impianti per lo smaltimento come quelli di Pomezia, oltre ad avere un costo alto per i cittadini, non riescono a gestire gli alti quantitativi conferiti, che puntualmente finiscono a Malagrotta, tra l'indifferenziato. Anche l'organico, pur venendo smaltito, ha oneri finanziari alti. Le immagini mostrano infine S.Francisco, che ha raggiunto il 78 per cento di smaltimento e compostaggio, con l'obiettivo di creare rifiuti zero entro il 2020. Inoltre, il progetto sui rifiuti ha creato nuovi posti di lavoro, tramutandosi da spesa in guadagno. La Recology, ditta che si occupa di smaltimento, mostra i metodi avanzati per creare un numero bassissimo di rifiuti. Il fine dell'ente, è quello di fare a meno, in futuro, dell'uso delle discariche. Clicca qui per guardare il video (Rai.tv) della puntata.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.