BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

TV/ Dal Grande Fratello 12 all’Isola, il reality è logoro. E mancano idee...

Pubblicazione:

Fonte: Fotolia  Fonte: Fotolia

Si conferma brillantemente Le Iene Show. La prima puntata ha quasi raggiunto il 15% con 3.400.000 teste. Brignano e Gassman non fanno rimpiangere Luca e Paolo.

A parte questi programmi (alcuni scarsi di sua), il mondo dell’intrattenimento leggero non offre più di tanto. Lo dico da tempo, mancano le idee, non si produce, indi non si raccolgono euri dalla pubblicità. Ed il pubblico si accontenta di quello che c’è.

La musica cambia un po’ per quanto riguarda l’informazione giornalistica.

La notizia del mese è stata il naufragio della Costa Concordia davanti all’isola del Giglio. Una manna per le tv e i giornali, anche se nessuna delle tv generaliste (tranne La7) ha interrotto le trasmissioni per darne la notizia. Il famoso servizio pubblico (per cui si paga il canone) ormai di fatto non esiste più. Dal giorno dopo però le tv  si sono scatenate.
Porta a porta, Chi l’ha visto, Matrix, Quarto Grado
, tutti i telegiornali e i canali tematici di news come  Tgcom 24 e Sky tg24.
Vespa ci ha tratto anche una prima serata. I modellini e gli ospiti sono più o meno quelli di sempre. Il più sfortunato è stato il programma di Rete 4 arrivato a quasi una settimana dal fatto,  ma che si è portato a casa un buon 12,03% con 3 milioni di teste.

Il picciotto Salvo sottile si sta guadagnando la pagnotta.

Risulta lampante che le tv generaliste fanno dell’informazione catastrofista  e di cronaca nera, esagerando anche,  un arroccamento su cui contare  e campare nei tempi di magra.

Ballarò non ha voluto parlare del dramma della Costa, ma invece dei problemi economici che attanagliano l’Italia realizzando quasi un buon 17% di share.



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >