BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL TREDICESIMO APOSTOLO/ Anticipazioni seconda puntata: su Gabriel e Claudia un presagio di morte. Riassunto prima

Pubblicazione:

Claudio Gioè e Claudia Pandolfi  Claudio Gioè e Claudia Pandolfi

Scienza e religione a confronto in Il tredicesimo apostolo  - Il prescelto, cosa accadrà nella seconda puntata? (anticipazioni). Ancora oscuri misteri paranormali nella seconda puntata di Il tredicesimo apostolo, che sarà in onda su Canale 5 mercoledì 11 gennaio 2011. La prima puntata (segue il riassunto) , si è rivelata coinvolgente e carica di tensione. La “tensione” tra scienza e religione che si legge nei volti di Claudia e Gabriel. Lei psicologa, immagine della scienza, interpretata dalla recitazione asciutta e dalle espressioni sicure di Claudia Pandolfi; lui un gesuita “difensore” della religione a aperto agli interrogativi suscitati dai casi, reso dalla recitazione “morbida” di Claudio Gioè. Come si comportano scienza e paranormale di fronte a casi inspiegabili? Ha iniziato a raccontarlo al pubblico la fiction Mediaset in onda su Canale 5. Nel primo episodio “Gemelli”, Gabriel ha un incubo: si rivede da bambino in preda al panico, sul bordo del tetto di casa. La madre cerca di salvarlo, ma i due precipitano. Antonori si sveglia in preda al panico. Due fratellini, Marta e Davide, levitano durante il sonno. A indagare sul caso Gabriel Antinori, docente di teologia, docente di teologia e membro della Congregazione della Verità, un organo segreto della Chiesa deputato a indagare su presunti fenomeni paranormali. Il gesuita è assistito da due studenti. Con lui indaga Claudia Munari, una psicologa. I due bambini vivono con i genitori, contadini, in un casolare nelle campagne intorno a Rieti. Claudia viene mandata da loro dai servizi sociali, il prete dalla Congregazione, in particolare dal Monsignore da cui è stato cresciuto e da Isaia (Stefano Pesce) anch’egli giovane gesuita che vuole fare carriera nella Congregazione.  Entrambi sul posto, assistono alla levitazione notturna dei bambini. La madre è felice di ciò che considera un miracolo divino. Davide, inoltre, riesce ad avere il controllo di pericolosi sciami di api. Mentre Antinori e la Munari cercano di comprendere il motivo per cui i due gemelli sono protagonisti di questo fenomeno paranormale, e sono nella casa dove vivono i bimbi. Claudia ha uno shock anafilattico. Gabriel riesce a salvarla e si scopre, dalle analisi cliniche, che la donna ha una fortissima intolleranza al ferro. Antinori fa una prova con due magneti e scopre empiricamente che i due gemelli sono in grado di respingerli e attrarli. I due bambini hanno una grave malattia del sangue, troppo carico di ferro. Il campo magnetico della casa, in opposizione con il ferro del sangue dei bambini, causava la levitazione. Pavimenti e i piccoli si respingevano come i magneti. I bambini vengono portati in ospedale. Inatanto un uomo misterioso osserva da lontano Claudia e Gabriel. Solo dopo che il caso è chiuso Claudia scopre che Gabriel è un gesuita, un sacerdote.

Nel secondo episodio Marianna, un’allieva di un prestigioso collegio gestito di suore viene sorpresa sotto shock nella cappella dell’istituto: è protagonista dell’inspiegabile fenomeno dell’emolacria, la ragazza piange sangue. Gabriel e Claudia indagano. Fanno domande alle suore, piuttosto reticenti. Claudia sorprende Agata e Daria, due compagne di stanza di Marianna che minacciano Laura, imponendole di non raccontare nulla. Intanto Gabriel chiede alla professoressa di disegno di mostrarle le tavole di Marianna. Mente visiona i disegni, un’improvvisa folata di vento fa volare via i disegni, del sangue sgorga da un cavalletto e su un foglio bianco appare l’immagine di Cristina, una ragazza. Nel frattempo Claudia trova in una stanza la foto della stessa ragazza, che poi tutti trovano impiccata in un’aula dell’istituto. Nel frattempo l’uomo misterioso si rivede nei pressi del collegio. Perché segue insistentemente Claudia e Gabriel?  Come si spiega il suicidio di Cristina? Claudia nel frattempo rivela a Gabriel di aver trascorso l’infanzia e l’adolescenza in collegio. Questo perché la madre era rimasta incinta a sedici anni e i nonni di Claudia non volevano “il frutto” di questo disonore. Gabriel liquida il suo passato dicendo che i suoi sono morti. Antinori e la Munari, a causa dell’atmosfera complice, si baciano.

Il medico di Gabriel consiglia al sacerdote di condurre una vita più tranquilla a causa dell’edema cerebrale che ha subito da piccolo e del mese di coma da cui si è prodigiosamente risvegliato. Intanto Gabriel si confronta con Isaia sul caso di emolacria. I due preti, amici, sono anche rivali per la nomina alla guida del Direttorio. Gabriel e Isaia scoprono che Marianna (che nel frattempo muore) e Cristina sono vittima di un anatema rivelato dai misteriosi disegni. Continua alla pagina seguente.



  PAG. SUCC. >