BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

QUESTO NOSTRO AMORE/ Anticipazioni. Dario Aita: Bernardo e Benedetta torneranno a guardarsi negli occhi. Forse ci sarà una seconda serie

Pubblicazione:

Bernardo e Benedetta  Bernardo e Benedetta

QUESTO NOSTRO AMORE - Anticipazioni. L'intervista a Dario Aita (esclusiva) Ultimo appuntamento questa sera con la seguitissima fiction di Rai 1 “Questo nostro amore”. La storia della coppia Costa-Ferraris, interpretata da Anna Valle e Neri Marcorè, dopo aver vinto la gara degli ascolti di tutte le sei serate, è ormai giunta all'ultimo capitolo. Questa sera, dalle 21.10, la prima rete Rai trasmetterà gli ultimi due episodi. Chissà se Francesca, la moglie di Vittorio, tornerà sulla scena e ostacolerà i piani della famiglia? E chissà se Benedetta e Bernardo riusciranno finalmente a riappacificarsi? Per ilSussidiario.net, abbiamo girato la domanda a Dario Aita, che nella fiction interpreta il giovane operaio.

 

Dario, qual è la ragione del successo di “Questo nostro grande amore”, fiction al debutto in prima tv che ha ottenuto ottimi ascolti, superando anche la già collaudata serie “Ris Roma”?

 

E' una commistione di diverse ragioni. Innanzitutto penso che la sceneggiatura abbia avuto un grosso peso: Stefano Bises ha delineato personaggi interessanti calati in un intreccio inedito e avvincente. Sebbene sia una commedia e il tema centrale è l'amore, i protagonisti sono chiamati a superare molti ostacoli: è una storia vera, concreta. La regia di Luca (Ribuoli, ndr) è giovane e divertente e ha abbinato una colonna sonora altrettanto fresca. E non ultimo il cast che è formato da attori di qualità.

 

Come ti sei trovato nei panni di Bernardo, un ragazzo di metà anni '60. Come hai affrontato questo personaggio, vissuto in un'epoca non lontana temporalmente ma che sembra un altro mondo?

 

Ho attinto dalla mia esperienza personale e dalle chiacchierate con mio padre e i miei zii e con le persone che hanno vissuto quel periodo. Da un lato, mi sono concentrato sul fatto che Bernardo vivesse nel '67, ma, dall'altro, ho considerato i suoi lati “universali” e il fatto che è un ragazzo semplice che viene dalla provincia, grande lavoratore e che ha dovuto fare presto i conti con la vita. Considerando tutti questi aspetti, è possibile incontrare Bernardo anche oggi. L'aspetto, invece, che lo rende meno contemporaneo è lo scontro con Benedetta, ragazza moderna e aperta per quei tempi, soprattutto, rispetto a lui che ha una spinta verso la libertà, ma è molto meno progressista della sua amata. Su questo punto, ho lavorato molto sull'attaccamento a un certo tipo di valori e alla famiglia.

 

La sua maturità è stata dimostrata anche nell'occasione in cui Benedetta pensava di essere incinta. Bernardo era molto deciso a proseguire l'eventuale gravidanza e tenere il bambino. Pensa che possa essere un buon modello per i giovani di oggi?



  PAG. SUCC. >