BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

INSIDER/ Anticipazioni. Esordio alla conduzione per l'ex Iena, Luigi Pelazza "infiltrato speciale". Su Italia 1

Pubblicazione:

Luigi Pelazza (Uff. stampa Mediaset)  Luigi Pelazza (Uff. stampa Mediaset)

INSIDER - ANTICIPAZIONI - Stasera su Italia 1 - 'Ndrangheta, traffico di droga e satanismo. Questi i temi delle inchieste che segnano il debutto del nuovo format targato Italia 1, “Insider” che verrà trasmesso in prima serata, dalle 21.10 sulla rete “young” Mediaset. Inviato “embedded” l'ex Iena Luigi Pelazza, al suo esordio alla conduzione e di un programma tutto suo. Pelazza documenterà, infatti, realtà scottanti ed estreme, vivendole in prima persona, da infiltrato. Non ci sono servizi “costruiti” o finti e grazie all’uso di microcamere e microspie, che proiettano il telespettatore direttamente nel mezzo dell’azione, sarà possibile rivivere, oltre ai contenuti delle indagini, anche le emozioni dell’inviato, la fatica per raggiungere l’obiettivo e le modalità con cui vengono condotte le inchieste: dal concepimento dell’argomento da affrontare al travestimento, dalla preparazione tecnico-logistica fino ad arrivare alla realizzazione del servizio vero e proprio. Filmati e video rubati che fanno luce su realtà spesso sconosciute alla maggior parte dei telespettatori. Tre le inchieste realizzate da Pelazza per questo appuntamento speciale. La prima racconta una realtà ben conosciuta, quella della criminalità organizzata calabrese, la ‘ndrangheta. Come funziona il potere della ‘ndrangheta, com’è diventata la potenza che è adesso. Pelazza si è inventato un’identità ed è andato a Reggio Calabria per vivere in prima persona la realtà di un onesto commerciante di abbigliamento che ha aperto un nuovo negozio con tanto di regolare partita iva e non vuole sottostare al racket delle estorsioni e pagare il pizzo alle organizzazioni locali. La seconda fa luce sui meandri del narcotraffico fra l’Italia e la Colombia. Le carceri Colombiane sono piene di italiani che, giunti nel Paese, magari come turisti, si improvvisano spacciatori e, con l’illusione di un guadagno facile e veloce, tentano di importare cocaina nel nostro paese. I più esperti spacciatori colombiani, denunciano infatti, gli stranieri giunti nel Paese per distrarre la polizia e far passare, alla frontiera o in aeroporto, i loro emissari carichi di droga. Pelazza si è introdotto in questo narcotraffico poco organizzato, ripercorrendone tutte le tappe. La terza e ultimo storia riguarda il mondo del satanismo e delle messe nere.



  PAG. SUCC. >