BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cinema, Televisione e Media

ZODIAC/ Anticipazioni: Canale 5 sfida Sanremo 2012 con uno spietato serial killer. 14 febbraio 2012

Visto l’inizio previsto per questa sera della sessantaduesima edizione del Festival della musica italiana, in diretta dal Teatro Ariston di Sanremo, Mediaset manda in onda un thriller

Foto: FotoliaFoto: Fotolia

Anticipazioni film Zodiac, in onda alle 21.10 su Canale 5. 14 febbraio 2012 – Visto l’inizio previsto per questa sera della sessantaduesima edizione del Festival di Sanremo 2012, in diretta dal Teatro Ariston e soprattutto su Rai Uno, Mediaset decide di modificare parzialmente da oggi e per i prossimi cinque giorni la propria programmazione, magari per evitare di ingaggiare un duello diretto a colpi di ascolti con la manifestazione canora proposta dalla Rai. Così ecco arrivare su Canale 5 un film comunque molto interessante e coinvolgente: Zodiac. A San Francisco, nel 1968, un serial killer comincia a seminare il panico, lasciandosi alle spalle una scia di morte e terrore, e rivendicando gli omicidi commessi attraverso diverse lettere spedite ai maggiori quotidiani locali. L’assassino si fa chiamare per l’appunto Zodiac, e comincia a sfidare la polizia con una serie di messaggi in codice che però nessuno è in grado di decifrare. Oltre alla polizia e all’agente Dave Toschi, interpretato da Mark Ruffalo, sulle tracce del serial killer si mettono anche un giornalista alla ricerca di scoop, Paul Avery, interpretato da Robert Downey Jr, e uno scrittore vignettista, interpretato invece da Jake Gyllenhaal, appassionato tra le altre cose proprio di enigmistica e codici. I tre faranno di tutto per arrivare a scovare la vera identità dell’assassino, ognuno per i suoi personali motivi, e le sorprese di certo non mancheranno. Zodiac non è un thrller o un giallo come tutti gli altri, ed è chiara la decisione del regista David Fincher di non voler incentrare la pellicola esclusivamente sulla figura dell’omicida, che invece per gran parte del film è anonima e avvolta in un velo di mistero. Il regista ha voluto più che altro concentrarsi sui vari protagonisti, sui loro intrecci e sulle loro personali esperienze e vicissitudini: in qualche modo infatti, tutti e tre sacrificano gran parte dei loro affetti pur di arrivare alla soluzione dell’enigma e alla rivelazione dell’assassino. La caccia a Zodiac diventa una vera e propria ossessione per i quattro uomini, tanto da far loro perdere il contatto con le loro vite.