BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

QUARTO GRADO/ Le novità sul Dna dell’assassino di Yara Gambirasio, la doppia vita di Parolisi e le novità su Melania Rea

Pubblicazione:

Salvo Sottile e Sabrina Scampini  Salvo Sottile e Sabrina Scampini

Commentando le frequentazione dei siti porno per bisessuali Barbara Palombelli afferma che il fatto di per sè non l'avrebbe scandalizzata se non fosse che Salvatore abbia visitato i siti in questione anche nei giorni della scomparsa della moglie.
Tutte le prove sembrano convergere su Parolisi, ma il conduttore ci illustra quali saranno le contestazioni della difesa. Queste riguarderanno soprattutto l'ora della morte fissata in base ai risultati dell'autopsia intorno alle 14:30. L'orario sarebbe determinato dalla presenza di cibo nello stomaco della donna e da tracce di caffeina, derivanti dal caffè bevuto prima di uscire da casa. Secondo la difesa non è possibile basarsi sulle tracce di caffeina poichè il caffè preparato con la moka può avere quantità variabili di caffeina in base a come viene preparato e inoltre non si sa quanto ne abbia bevuto Melania quel giorno.
Dopo il caso Rea, si passa all'omicidio di Rossella Boffo, una donna il cui cadavere è stato ritrovato nella stessa zona dove è stata uccisa Melani. Per l'omicidio è stato arrestato Alvaro Binni, tecnico informatico della donna con la quale si ipotizza avesse una relazione diventata pesante dopo che lei aveva deciso di trasferirsi ad Ascoli Piceno dove l'uomo viveva con la moglie. L'uomo, intervistato qualche tempo prima dell'arresto, dichiara di essere stato semplicemente amico della donna. Mentre faceva queste affermazioni, rileva Picozzi, l'uomo stringeva gli occhi, un segno che neanche lui ci credeva. In ogni caso per l'accusa pur non essendovi una prova regina vi è un castello di indizi molto consistente.
Dopo questo caso l'attenzione si concentra sul caso di Lucia Manca con un intervento della donna che aveva una relazione con Renzo Dekleva che racconta di come lui le avesse raccontato delle bugie e di ritenere fosse affetto da delirio di onnipotenza.
In conclusione si parla ancora del naufragio della Costa, del fatto che sia stata individuata una zona dove ci sarebbero altri corpi e sulle responsabilità che, probabilmente, non ricadrebbero solo sul capitano Schettino, ma anche sull'armatore.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.