BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SANREMO 2012/ Claudia Mori accusa Verro: le contestazioni a Celentano sono state organizzate

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Adriano Celentano che lo si voglia o meno, può intestarsi a buon diritto il successo ottenuto nel corso dell’ultima serata. Il Molleggiato, infatti, ha determinato un picco di ascolti, con 14 milioni 456 mila telespettatori e uno share del 50,93%. Ieri , al Teatro Ariston, è stato a lungo applaudito. Ma anche contestato. Fischi e urla di “buffone” e “basta predicatore”. Alle contestazioni, Celentano non deve essere per nulla abituato. Tanto meno sua moglie, Claudia Mori. Che non ha digerito per niente l’episodio, e non ha mancato di manifestare tutta la sua stizza per l’accaduto. E così, si è avvicinata al consigliere Rai Antonio Verro che era seduto in prima fila, gli ha stretto la mano, e lo ha ringraziato per la buffonata che è stata organizzata. Un’accusa gravissima, che ha immediatamente suscitato svariate reazioni. Quella di Verro, anzitutto, che si è detto basito di quanto accaduto. Il presidente della Rai, Paolo Garimberti, ha voluto esprimere la sua solidarietà all’esponente del consiglio d’amministrazione della tv pubblica, definendo l’atteggiamento della Mori inqualificabile e inaccettabili. Garimberti ha fatto, inoltre, presente che in nessun modo le contestazioni che il marito ha subito possono giustificare attacchi di questo tipo.

Del medesimo avviso il direttore generale Lorenza Lei che, nell’esprimere anch’essa la propria vicinanza al consigliere, ha ribadito che nessuno in Rai si sognerebbe di mettersi a organizzare una cosa del genere. Morandi, dal canto suo, afferma che il sospetto che le contestazioni, effettivamente, fossero state organizzare c’è, eccome. Il conduttore della 62esima edizione ha spiegato che, addirittura, vi fosse l’evidenza del fatto che fossero pilotate da qualcuno. «Abbiamo mandato una persona in galleria e c'erano tre-quattro persone che sistematicamente fischiavano, con uno schema preciso. Era tutto organizzato, non so da chi, ma lo era». Morandi ha giustificato la sua tesi, inoltre, in virtù del fatto che in tanti anni non fosse mai accaduto niente di simile. Certo, contestazioni e fischi ce ne sono sempre stati. Ma mai in misura così massiva e mirata. Rispetto alla collega e amica Claudia Mori, ha cercato di giustificarla sostenendo che, probabilmente, si fosse semplicemente innervosita, decidendo di prendersela con la prima persona della Rai che le era capitata a tiro.

 



  PAG. SUCC. >