BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CHI L’HA VISTO?/ L’arresto di Renzo Dekleva, marito di Lucia Manca. Yara Gambirasio: genitori amareggiati per le indagini

Pubblicazione:

Federica Sciarelli  Federica Sciarelli

Chi l'ha visto? - Al centro della puntata di Chi l’ha visto?  l'arresto del marito di Lucia Manca, Renzo Dekleva, accusato dell'omicidio della moglie, ma anche notizie trapelate sulla vita di Salvatore Parolisi e il mistero del gendarme presente alla manifestazione per Emanuela Orlandi. La trasmissione si apre con le immagini dell'arresto di Renzo Dekleva, il marito di Lucia Manca, accusato dell'omicidio della moglie.  Viene riproposta la telefonata tra l'inviata della trasmissione Paola Crauso e l'uomo che dichiarava di aver visto la moglie per l'ultima volta la mattina della scomparsa, il 7 luglio 2011, quando questa era uscita alle 6:40 per prendere il pullman che l'avrebbe condotta al lavoro, diversamente dal solito poichè normalmente l'accompagnava il marito in auto. Nella stessa telefonata l'uomo afferma che la sera precedente alla scomparsa, dopo aver mangiato una pizza con lei, era uscito di casa alle 20:00 per rientrare a mezzanotte. Il fratello di Lucia però sapeva che l'uomo non si era mosso da casa. Interpellato nuovamente dall'inviata, Renzo afferma che durante la trasmissione siano state dette una serie di bugie, nonostante la registrazione della telefonata confermi che quanto detto in trasmissione sia quanto da lui dichiarato. Durante le ricerche di Lucia, Paola Crauso aveva scoperto che l'uomo aveva una relazione con un'altra donna alla quale aveva fatto credere di essere separato. Lucia lo aveva scoperto e soffriva per questo, il 23 giugno aveva contattato una sua amica avvocato per informarsi sulle modalità della separazione. I rapporti tra Renzo e Lucia, come testimoniano gli amici della coppia si erano fatti sempre più tesi, tanto che la donna lamentava che l'uomo avesse oltrepassato ogni limite. Anche la collaborazione con gli inquirenti da parte dell'uomo è sempre stata scarsa, per ben due volte si era rifiutato di fornire le proprie impronte digitali. Il magistrato inquirente definisce l'uomo glaciale e capace di mentire con facilità. L'uomo, a quanto sembra, mentiva abitualmente anche ai colleghi che lo credevano laureato in medicina, titolo di studio che aveva fatto scrivere anche sulla sua carta di identità. Sono molti e gravi gli indizi contro di lui: la rilevazione dei suoi spostamenti quella notte attraverso le celle agganciate dal suo telefono che sarebbero compatibili con il luogo del ritrovamento del cadavere, la presenza della saliva di Lucia Manca nel bagagliaio dell'auto dell'uomo e i tentativi di influenzare delle persone per sviare le indagini.
Federica Sciarelli affronta il caso di Linda Guardascione scomparsa il 7 dicembre dal New Jersey da dove ha preso un aereo diretto a Napoli. Ma qui non è stata vista dai parenti italiani, tra cui un fratello, che vivono a Monte di Procida. La stranezza è che la donna abbia abbandonato i  quattro figli. Nessuna segnalazione, tranne quella di un tassista che crede di averla vista: la donna gli avrebbe raccontato di essere venuta dall'America dopo aver scoperto che il marito la tradiva e di avere dei figli. Federica Sciarelli segnala la scomparsa di due ragazze di 15 anni sparite da Firenze. Segue un appello del marito di Roberta Ragusa che si rivolge direttamente alla donna chiedendole di contattare la famiglia soprattutto per i figli che piangono continuamente. La scomparsa della donna è davvero misteriosa, il marito racconta di averla vista per l'ultima volta intorno alla mezzanotte del 13 gennaio già vestita per andare a dormire. La mattina del giorno successivo intorno alle 6 e 45 accortosi della scomparsa l'ha immediatamente cercata e ne ha denunciato la scomparsa la mattina stessa. La donna sarebbe scomparsa in pigiama. Una testimone crede di averla vista nel suo pub al momento della chiusura, in pigiama chiedeva di usare il bagno. La donna ritiene che Roberta non fosse sola, poiché si sarebbe diretta verso un'auto. I parenti hanno creato anche un gruppo su Facebook, ma nessuno ha detto di averla vista. Forse è stata vista in un supermercato a tre km dalla paninoteca dove si sarebbe recata la notte. Gli inquirenti propendono per l'ipotesi della fuga volontaria e attendono che la donna si metta in contatto con loro. L'inviato di Chi l'ha visto? ipotizza che la donna possa essere scomparsa volontariamente e poi aver incontrato un malintenzionato.
Chi l’ha visto riporta l’attenzione su Salvatore Parolisi. E' emerso che l'uomo chattasse con dei trans con il nickname di corpo a corpo. I familiari di Melania Rea in collegamento dicono di aver già avuto questa notizia in precedenza, ma che Salvatore non ne aveva mai fatto cenno. La Sciarelli sottolinea lo strano comportamento di Salvatore che avrebbe cercato di contattare la moglie dopo la scomparsa solo il primo giorno. Lo zio di Melania evidenzia come l'uomo non abbia proprio collaborato alle ricerche. I rapporti fra la famiglia Rea e Salvatore Parolisi si sono definitivamente interrotti. Continua alla pagina seguente.



  PAG. SUCC. >