BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LE IENE SHOW/ Anticipazioni seconda puntata: intervista a Cesare Battisti, nuove immagini dalla farmacia di Novi Ligure, 2 febbraio 2012

Pubblicazione:

Cesare Battisti  Cesare Battisti

Le Iene Show, anticipazioni seconda puntata, 2 febbraio 2012 – Torna questa sera un nuovo appuntamento con la nuova stagione di Le Iene Show, condotto da Ilary Blasi, Enrico Brignano e Alessandro Gassman.  In questa seconda puntata andrà in onda una esclusiva intervista all’ex terrorista Cesare Battisti, che si racconta a 360 gradi parlando anche senza freni del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, della sua latitanza in Brasile, della sua condanna e della sua nuova vita lontano dall’Italia. La Iena incaricata di intervistarlo gli chiede subito come mai non chiami il Capo dello Stato, così Battisti spiega che «prima di tutto Napolitano mi manderebbe a quel paese perché lui è il Presidente della Repubblica e io sono un signore nessuno. Secondo, Napolitano mi pare che in quegli anni era uno dei massimi avversari del movimento rivoluzionario, quindi pare che sia rimasto avversario…».  «Secondo me – continua Battisti - Napolitano sa benissimo chi sono, cosa ho fatto e cosa non ho fatto. Non ha bisogno che io glielo dica. Anche perché se io glielo dico lui non ci crede. E secondo me anche se ci crede non ha nessuna intenzione di crederci, di diffonderlo. Semplicemente perché Napolitano a me sembra davvero un irriducibile degli anni ’70, dell’ex P.C. stalinista [...] A me non sembra che Napolitano sia la persona adeguata per dire oggi all’Italia “Giriamo la pagina, dimentichiamo il passato, riconosciamo le responsabilità, riconosciamo la storia, riappacifichiamoci”. Non mi pare che Napolitano stia dando esempio di questo». La Iena spinge allora l’ex terrorista Battisti a lasciare un messaggio al presidente della Repubblica, a cui dice: «Signor presidente Napolitano, mi dia la possibilità di difendermi. Di presentarmi di fronte ad un tribunale, oggi in Italia, e di potermi difendere, di rispondere ad un interrogatorio vero, come non è mai successo, e così io mi comprometto a rispondere delle mie responsabilità di fronte alla giustizia italiana». Durante la puntata di questa sera potremmo poi vedere le nuove immagini provenienti dalla farmacia di Novi Ligure dove, come abbiamo visto anche settimana scorsa, i dipendenti staccano le fustelle da un enorme quantità di farmaci, per mandarle poi all’ASL dopo averle applicate alle ricette preparate ad hoc dai medici.



  PAG. SUCC. >