BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CHI L’HA VISTO?/ Anticipazioni: Costa Concordia, la piccola Dayana tra i corpi ritrovati. Melania Rea, negati domiciliari a Parolisi

Pubblicazione:

La Costa Concordia  La Costa Concordia

CHI L'HA VISTO? Costa Concordia, ritrovato il cadavere della piccola Dayana - Stasera a Chi l'ha visto? (anticipazioni) sarà aperta una dolorosa pagina di cronaca nera relativa al naufragio della Costa Concordia. A più di un mese dal terribile incidente sono stati ritrovati cinque corpi, tra cui il cadavere della piccola Dayana Arlotti, la bimba di cinque anni di Rimini, che era a bordo della nave per una vacanza con il papà e la compagna dell'uomo. I corpi, stando a ciò che riportano numerose fonti stampa, sarebbero stati individuati all'interno del Ponte 4 della nave dove oggi erano iniziate le attività di ricerca in seguito ad uno screening fatto nei giorni scorsi attraverso le testimonianze dei sopravvissuti al naufragio, che avevano indicato i punti dove si sarebbero potuti trovare l'ultima volta che erano stati visti alcuni dei dispersi. Ma mancano ancora persone di cui non si sa più nulla e che erano a bordo della nave. Chi l'ha visto? continuerà ad acccogliere appelli e segnalazioni per cercare di capire dove possano essere queste persone. E' recente la notizia che ci sarebbero altri indagati oer il naufragio, oltre al comandante Francesco Schettino.

Le telecamere del programma condotto da Federica Sciarelli si occuperà, stasera, 22 febbraio 2012, del caso di Antonio Barbaterlli, 20 anni, scomparso da Capodimonte: il ragazzo era andato a correre e non ha più fatto ritrono a casa. La mamma e la sorella del ragazzo si sono rivolte a Chi l'ha visto? per cercare di capire cosa possa essere accaduto al loro caro. E si torna di nuovo a parlare del caso dell'omicidio di Melania Rea, la giovane mamma di Somma Vesuviana, delitto per il quale è in cercere con l'accusa di omicidio il marito della donna, Salvatore Parolisi. Al caporalmaggiore sono stati negati gli arresti domiciliari a causa del'efferatezza del crimine e dell'indole violenta della persona che ha commesso il terribile gesto.

Potrebbe esserci un clamoroso sviluppo sul mostro di Udine: in redazione di Chi l'ha visto? pare sia arrivata la telefonata di una donna che avrebbe affermato di aver riconosciuto l'assassino. In diretta tanti appelli e richiesta di segnalazionme per trovare le persone che sono scomparse e di cui non si hanno più notizia. Continua alla pagina seguente.



  PAG. SUCC. >