BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

COSTA CONCORDIA/ L’avvocato Canzona in diretta sul falso aborto attacca Pomeriggio Cinque: "siete stati voi a raggirare i vostri spettatori”

Pubblicazione:

Il naufragio della Costa Concordia (InfoPhoto)  Il naufragio della Costa Concordia (InfoPhoto)

Liguori esordisce scherzando: "non possiamo essere sicuri che Canzona sia quello originale, visti i cambi di persona ai quali ci ha abituato". Ma egli non riesce nemmeno a terminare la frase, che Canzona lo interrompe: "lei ha sempre attaccato la mia famiglia. Non si azzardi mai più a toccarla! Non siamo la banda della Magliana, ci ha dipinto cosi!". Liguori non si sottrae all'accusa: "ha reso lei la sua famiglia una banda. La incito a moderare i toni, e preciso che sono venuto qui solo per avere un faccia a faccia con lei, che è il cervello di tutta questa faccenda. Inoltre, non è un mistero che l'avvocato Orecchioni sia colei che ha fatto partire tutti i contatti con le varie redazioni dal suo studio".
Poi, la D'Urso vuole fare ordine sulla faccenda che ha portato alla scoperta di tutte le truffe di Canzona: si tratta di una presunta causa per aborto architettata con falsi clienti il giorno del naufragio di Costa Concordia, di cui egli faceva il legale. Tornati dal video(che mostra lo smascheramento a cura di Striscia la Notizia), la d'Urso racconta: "è questo il vero punto, che lei ha raggirato milioni di persone su una tragedia". Ma Canzona alza i toni, e non di poco: "siete stati voi a raggirare i vostri spettatori raccontando delle love story tra Schettino e la ragazza moldava, al posto del dolore di chi è naufragato!". E le parole non vanno per il sottile: "Liguori, lei deve stare solo zitto perché è un buffone!". E poi, non vengono risparmiate parole neanche alla d'Urso: "lei mi deve far parlare! Le sue comparsette sono ridicole e la sua trasmissione è una presa in giro! Le ho sempre detto che la storia dell'aborto è vera, le comparse servivano solo per la privacy". Ma la conduttrice non si scompone, e invia una clip che mostra come Mediaset fosse ignara che i due fossero attori.
Dopodiché interviene l'avvocato Vinci: "lei deve avere il coraggio di ammettere i propri errori. Gli avvocati devono rappresentare il cuore della giustizia, e servirsi di comparse è un raggiro per la legge".
La conclusione del dibattito non è delle migliori. Dopo che Barbara si vede negare la richiesta di scuse al suo pubblico per la truffa, dirà: "non intendo mai più avere a che fare con questa persona nella mia trasmissione".



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.